Gender

Vuole cambiare sesso ma ci ripensa: donna fa causa alla clinica

È successo nel Regno Unito

Un giudice ha dato il via libera per un’audizione completa del caso contro le cliniche per il cambio di genere Tavistock e il Portman NHS Trust. Gli avvocati sostengono che i bambini non possono dare il consenso informato al trattamento ritardando la pubertà o aiutandoli alla transizione. Il Tavistock ha affermato di aver sempre adottato un approccio prudente al trattamento.

La clinica con sede a Hampstead, nel nord-ovest di Londra, che gestisce l’unico servizio di sviluppo dell’identità di genere nel Regno Unito, ha aggiunto che si è attenuta all’esito favorevole degli esami effettuati.

Keira Bell è una delle persone motivate a intentare una causa e fornirà prove nel controllo giurisdizionale ed è probabile che venga ascoltato all’inizio dell’estate prossima. Del suo stesso parere anche una donna, nota anche come mamma A, madre di una ragazza di 15 anni con autismo, in attesa di cure presso la clinica.

Keira descrive di essersi sentita, per una parte della sua vita, un maschiaccio. Quando le è stato chiesto quanto fortemente sentisse il bisogno di cambiare la sua identità di genere, ha risposto che si è gradualmente sviluppata man mano che si documentava sul web. È stata ricoverata alla clinica Gist Tavistock all’età di 16 anni. Ha detto che dopo tre appuntamenti della durata di un’ora, le sono stati prescritti dei bloccanti della pubertà, che ritardano lo sviluppo di segni di pubertà, come la crescita della barba.

COSA SONO I BLOCCANTI DELLA PUBERTÀ?

I bloccanti della pubertà sono farmaci che possono mettere in pausa lo sviluppo di organi come la formazione del seno e il cambio del timbro di voce. Possono essere prescritti a bambini con disforia di genere che sentono che il loro sesso alla nascita non coincide con il loro genere. Questo ha lo scopo di dare loro più tempo per valutare le loro opzioni prima che attraversino i cambiamenti fisici della pubertà. Sebbene i bloccanti della pubertà siano descritti come reversibili, viene riconosciuto il loro impatto sullo sviluppo del cervello e sulla salute psicologica non è completamente noto.

LA TESTIMONIANZA

Un anno dopo aver iniziato i bloccanti della pubertà ha detto che le era stato prescritto il testosterone, che ha sviluppato caratteristiche maschili come i peli del viso e una voce profonda. Tre anni fa, ha subito un’operazione per rimuovere il seno.

«Inizialmente – ha spiegato – mi sono sentita molto sollevata e felice per le cose, ma penso che con il passare degli anni inizi a sentirti sempre meno entusiasta o addirittura felice per le cose. Puoi continuare e scavare più a fondo in questo buco o puoi scegliere di uscirne e farti sollevare il peso dalle spalle».

TROPPO GIOVANE

L’anno scorso ha deciso di interrompere l’assunzione di ormoni sessuali incrociati e ha detto che stava accettando il suo sesso da donna. Ma era anche arrabbiata per quello che le era successo nell’ultimo decennio. «Mi è stato permesso di difendere questa mia fantasia», ha spiegato Keira.

LA DIFESA DI KEIRA

Gli avvocati di Keira affermano che i bambini non possono valutare l’impatto che un tale trattamento potrebbe avere sulla loro vita futura, incluso ad esempio sulla loro fertilità.

LA PREOCCUPAZIONE DELL’EX STAFF DELLA CLINICA

L’ex staff della clinica ha espresso preoccupazione per il fatto che agli adolescenti che desiderano passare a un genere diverso vengano sottoposti blocchi per la pubertà senza un’adeguata valutazione o lavoro psicologico. Infatti, gli adolescenti arrivano in clinica profondamente angosciati e disperati per cambiare sesso.

LA VITA FAMILIARE DELLA RAGAZZA

«Ho detto la stessa cosa anni fa – spiega Keira – quando sono andata in clinica. Direi che mi stava salvando dall’idea suicidaria e dalla depressione in generale e in quel momento mi sono sentita sollevato tutti quei problemi di salute mentale che sentivo, insieme alla disforia di genere».

Ha poi descritto la sua vita familiare come difficile. Crede anche che se si fosse sentita più accettata dalla società come lo era allora, non avrebbe cambiato sesso, ma era chiaramente troppo giovane per prendere una decisione del genere.

«Quindi – spiega Keira – penso che spetti a queste istituzioni, come il Tavistock, intervenire e fare in modo che i bambini riconsiderino ciò che stanno dicendo, perché è un percorso che cambia la vita».

L’INTERVENTO DELLA PSICOLOGA

La psicologa clinica consulente che gestisce il servizio di sviluppo dell’identità di genere Polly Carmichael ha elogiato Keira per aver parlato, ma ha insistito sul fatto che la clinica ha avviato un accurato processo di valutazione.

Ha descritto il loro approccio come cauto e ha detto che lavorano a stretto contatto con i bambini e le loro famiglie per prendere le giuste decisioni per loro.

«Questa – spiega la psicologa – è un’area davvero complessa con sentimenti forti da tutti i lati. E al centro, i giovani con cui lavoriamo – vengono spesso da noi in una situazione di grande angoscia per il loro senso di se stessi. Stiamo parlando dell’identità qui, della loro identità e della sensazione che la loro identità di genere non corrisponda al loro corpo».

«Avere una revisione ponderata esterna delle prove – afferma la psicologa – e dei sentimenti delle persone sul modo più appropriato di sostenere i giovani non può essere altro che benefico a questo punto».

TEMPI DI ATTESA MOLTO LUNGHI

Il gruppo Mermaids fornisce sostegno ai giovani trans e di genere e alle loro famiglie.

Il suo amministratore delegato, Susie Green, ha difeso l’attuale processo, che secondo lei si basava su anni di ricerca e ha dichiarato di sperare che la revisione giudiziaria «illuminasse» le scelte dei giovani.

Inoltre, ha detto alla BBC News che molte persone che si sono avvicinate erano molto angosciate e che la ricerca aveva suggerito che i bloccanti della pubertà potevano aiutare a ridurre i tassi di autolesionismo e suicidio. E ha anche aggiunto che non è giusto togliere i servizi a causa di un numero molto piccolo di persone che si sono rifiutate di sottoporsi all’intervento medico.

«Il tempo di attesa dura più di due anni – spiega Susie Green – e quando i giovani entrano in cura c’è un processo che dura ben un anno prima che venga preso in considerazione l’intervento medico. Il processo è molto dettagliato e ottengono molte informazioni sui trattamento».

NHS England, parte interessata al procedimento legale, ha già annunciato una revisione indipendente delle sue politiche sull’uso dei bloccanti della pubertà e degli ormoni sessuali.

Gabriele Giovanni Vernengo

Tag

Gabriele Giovanni Vernengo

Classe 94', amante della cultura e dell'arte. Fermo nei propri valori e nella sua fede cristiana, porta avanti il proprio talento tramite la poesia e il giornalismo, definite da lui stesso come «missioni» e/o « vocazioni».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close