Vittima di attacco con l’acido torna a vedere grazie a un intervento etico con le cellule staminali

di VoceControCorrente

Un uomo, diventato cieco in seguito a un’aggressione con l’acido, ha riacquistato la vista grazie a un nuovo trattamento che coinvolge le cellule staminali adulte.

(di Redazione) All’età di 18 anni il britannico James O’Brien subì un’aggressione con l’ammoniaca che, finendogli in faccia, gli bruciò la superficie dell’occhio.

Oggi, all’età di 44 anni, l’uomo è stato sottoposto per 18 mesi alle cure presso il Moorfields Eye Hospital di Londra.

‘Posso vedere’

Come riportato su Christian.org.uk, un anno fa i medici prelevarono del tessuto dal suo occhio sano per usarlo con lo scopo di far crescere del nuovo tessuto per l’occhio cieco.

Fu data a James una probabilità di successo del 75% e, dopo un ulteriore trattamento (compresa la donazione di una cornea), i risultati sono stati positivi.

O’ Brien, durante un appuntamento ripreso dal programma Inside Out della BBC, ha affermato: «Posso vedere! Vedo ogni cosa nella stanza. Posso vedere tutto!».

L’uomo ha raccontato che non aspettava altro vche vedere sua moglie e i suoi figli, rilevando tra l’altro che la sua bambina aveva desiderato all’inizio dell’anno che l’occhio del padre guarisse.

O’ Brien ha spiegato che «essere in grado di vedere con entrambi gli occhi è una ‘piccola’ cosa che significa tutto per me. Fondamentalmente sono passato dalla quasi cecità in quell’occhio alla possibilità di vedere ogni cosa. Prima non riuscivo a vedere il diagramma oftalmico, il diagramma con tutte le lettere accese, ora posso leggere la terza riga in passo e so che andrà ancora meglio».

Il chirurgo oftalmico che ha eseguito la procedura ha dichiarato di sperare che questo trattamento pionieristico possa ora essere usato più ampiamente per trattare le vittime delle aggressioni con l’acido.

Sajjad Ahmad, infatti, ha affermato: «James ha accettato gentilmente di essere la cavia per questo trattamento. Grazie a ciò che ha fatto, ora ci consentirà di offrirlo a tutti coloro che ne hanno bisogno. Questo avrà un impatto enorme. Molti di questi pazienti sono giovani e quindi influisce sul lavoro, sulla vita e su quelli che li circondano».

Le cellule staminali adulte sono un’alternativa etica alle cellule staminali embrionali che comportano la distruzione di embrioni umani.

Leggi anche: Embrione artificiale: il triste esperimento condotto senza ovuli e spermatozoi.

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un 'Mi Piace' sulla nostra pagina Facebook!

Articoli Correlati