Cultura & ScienzeLazio

Vaccino anti Covid-19, al via la sperimentazione sull’uomo in Italia

La prima dose è stata inoculata all'Istituto Spallanzani di Roma

Al via la sperimentazione sull’uomo del vaccino anti Covid-19 ‘made in Italy’ all’Istituto Spallanzani di Roma. Inoculata stamattina la dose al primo volontario.

Presenti all’avvio dei test il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, l’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato e i vertici dell’Istituto per le malattie infettive della Capitale, eccellenza nella lotta al nuovo coronavirus.

«Noi crediamo molto nel vaccino bene comune. Il vaccino italiano sarà pubblico e a disposizione di tutti coloro che ne avranno necessità». Così il presidente della Regione Nicola Zingaretti allo Spallanzani per l’avvio della sperimentazione del vaccino anti-Covid. «La Regione seguirà passo dopo passo il processo di sperimentazione per arrivare il prima possibile alla distribuzione del vaccino», ha aggiunto il segretario nazionale del Partito Democratico, sottolineando che «da oggi inizia una fase storica della ricerca. È un bellissimo traguardo che la scienza e la medicina italiana ha raggiunto in questa fase».

Francesco Vaia, direttore sanitario dello Spallanzani, ha affermato: «Questa mattina è stata inoculata la prima dose del vaccino al primo volontario che verrà tenuto sotto osservazione per 4 ore. Questa persona tornerà poi a casa e verrà monitorata per 12 settimane. Mercoledì proseguiremo con altri due volontari e così a seguire tutti gli altri fino a 24 settimane».

Dopo aver ricordato che in tutto sono 90 i volontari selezionati su oltre 7mila candidati e che «molti hanno detto che intendono devolvere il rimborso previsto alla ricerca», Vaia ha poi aggiunto: «A noi interessa che il vaccino sia efficace. Se questa prima fase va bene si continuerà con la seconda e la terza fase che probabilmente faremo in un paese dell’America Latina dove il virus è in crescita. E se tutto avviene nei tempi programmati, il nostro auspicio è che questo vaccino sia prodotto in primavera».

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Crisanti: “Servono più tamponi, vanno triplicati”

Tag

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close