Esteri

Usa, Pastore in manette: “Arrestato per legittima difesa”

L'uomo è stato aggredito fisicamente dopo il tentativo di fermare gli attentatori che cercavano di scaricare roba in disuso nella sua proprietà

Secondo l’apostolo Leon McCray, pastore capo di Lighthouse Church and Marketplace Ministries International a Woodstock, in Virginia, il 1° giugno cinque individui bianchi lo hanno aggredito verbalmente e fisicamente, quando ha cercato di impedire loro di scaricare roba in disuso nella sua proprietà. In cerca di aiuto, l’uomo dice di aver chiamato il 911 prima di essere arrestato.

«Ho informato questi individui che stavano violando la proprietà, che non potevano scaricare il loro frigorifero, chiedendo di andarsene. Si sono infuriati e mi hanno attaccato verbalmente», dichiara il pastore. «Allo stesso tempo, minacciavano la mia vita, chiedendomi se la mia vita nera e le vite nere, contassero qualcosa”, ha spiegato, affermando di non trovarsi bene in città.

«Essendo minacciato e temendo per la mia vita, mi sono sentito costretto a tirare fuori la mia arma nascosta, un’arma legale nascosta, per salvarmi la vita. E quando l’ho fatto, alla fine, questi individui hanno indietreggiato di molto, da permettermi di chiamare il 911. Arrivati gli agenti sul posto, il gruppo stava ancora urlando epiteti razziali. Minacciavano ancora la mia vita. Mi dicevano ancora cosa mi avrebbero fatto. Ma non mi è mai stata data l’opportunità di raccontare cosa fosse succedendo». Dopo la conversazione, gli agenti di polizia sono tornati e lo hanno messo in arresto per aver brandito un’arma da fuoco.

Confuso dalla situazione, il pastore chiede all’agente che lo aveva arrestato cosa sarebbe successo alle accuse di violazione di domicilio e di aggressione contro i trasgressori. Invece di ricevere una risposta ragionevole, il pastore racconta di essere stato ammanettato e arrestato davanti ai suoi aggressori.

Quando McCray è stato rilasciato dalla custodia, la notte del 1° giugno, ha presentato una dichiarazione scritta. Due giorni dopo, il 3 giugno, si è seduto con lo sceriffo della contea di Shenandoah, Timothy Carter, per discutere dell’accaduto. Nella sua dichiarazione Carter ha detto che se si fosse trovato di fronte a circostanze simili «probabilmente avrebbe fatto la stessa cosa».

Lo sceriffo si è scusato con il pastore e ha annunciato che cinque persone coinvolte nell’attacco sono state arrestate, due supervisori del dipartimento sono stati messi in congedo amministrativo non retribuito, fino al completamento di una revisione. «Infine, mi sono scusato con il signor McCray, e apprezzo la sua pazienza, poiché ho lavorato su queste questioni. Ascolto le lamentele dei cittadini e le prendo sul serio», ha spiegato Carter. Lo sceriffo ha fatto una revisione immediata dell’accusa di McCray e ritirato l’accusa. «Dopo aver parlato con lui dell’incidente, mi è sembrato evidente che l’accusa di branding non era certamente appropriata», ha scritto Carter nella dichiarazione.

Il pastore ha parlato della sua terribile esperienza durante un sermone su Facebook Live, dicendo che è stata “molto traumatica”. «Esperienza molto traumatica. Non so se hai mai vissuto una cosa del genere. Io non l’avevo mai fatto, è stato molto difficile».

Fonte: Bibliatodo News

Leggi anche: Iran, liberato ex musulmano: era stato arrestato per la sua conversione al Cristianesimo

 

Tag

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close