Storie

USA, donna trova neonato nella spazzatura e gli canta: “Gesù ti ama, tieni duro”

Il fatto è avvenuto in una strada nel North Carolina. La madre è accusata di tentato omicidio di primo grado

Una donna porta a spasso il suo cane, in una strada del North Carolina. Mentre si avvicina alla chiesa del quartiere, sente un bambino piangere. Un bambino gettato nella spazzatura. Lo prende e chiede aiuto. Una donna vicina, Tamara Austin, la sente e scappa. La donna racconta la scena alla WWAY-TV: «Grazie a Dio stava portando a spasso il cane in quel punto. Grazie a Dio, lo ha sentito piangere ed è riuscita a riportarlo indietro, perché è veramente un’eroina, che gli ha salvato la vita».

Mentre la donna che ha trovato il bambino chiede aiuto, Tamara segue le loro istruzioni e rimuove il cordone ombelicale, ancora intorno al collo. Nel frattempo, un altro vicino arriva con un asciugamano per avvolgere il neonato. Tamara racconta, poi, come il bambina ha stretto il dito. «Ho preso il bambino in braccio, l’ho tenuto in braccio, gli ho parlato. Respirava. Gli ho liberato le vie respiratorie. Ha urlato, poi mi ha stretto il dito».

Insieme, le due donne hanno iniziato a cantare al bambino, dicendo che Dio aveva un piano per lui. «Stavo pregando e lei ha cominciato a cantare ‘Gesù ti ama‘. L’ho accompagnata per dirlo insieme lei. Ho detto: “Qualcuno qui ti vuole, e Dio ha un piano per te, quindi tieni duro”. E ho aspettato che arrivasse l’ambulanza. Ho pregato e le ho parlato. Ho detto: “Tieni duro, ometto, ti aiuteremo, e Dio ha un piano per te”. Mi ha afferrato il mignolo quando gliel’ho detto. Quindi è stato a dir poco confortante».

Verso le 19:30 la polizia ha annunciato che il bambino era sano e stava bene. Sua madre è stata localizzata, arrestata e portata al New Hanover Regional Medical Center per una valutazione, e poi trasferita nella prigione della contea di New Hanover. È accusata di tentato omicidio di primo grado.

Fonte: Info Chrétienne

Leggi anche: Trovato corpo in un carrello della spesa: è un omicidio

Tag

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close