Esteri

Trump (finalmente) alza la voce: “Pronto a distruggere l’economia della Turchia”

L’amministrazione di Donald Trump, accusata di essere stato troppo morbida con Erdogan, ha (finalmente) alzato la voce contro il governo di Ankara.

Mark Esper, capo del Pentagono, ha affermato, infatti, che l’offensiva turca nel nord-est della Siria ha danneggiato le relazione bilaterali tra i due Paesi.

Inoltre, «l’inaccettabile incursione turca […] ha minato la missione internazionale di successo contro l’Isis in Siria e ha portato al rilascio di molti pericolosi detenuti dell’Isis».

Esper ha anche annunciato che si recherà «la prossima settimana a Bruxelles» dove intende «fare pressioni sugli alleati Nato per adottare misure collettive e individuali, diplomatiche ed economiche» contro il governo di Ankara.

Dal canto suo, Donald Trump ha annunciato che presto emetterà un’ordine esecutivo che autorizzerà sanzioni contro i livelli più alti del governo turno e l’aumento delle tariffe siderurgiche.

Trump – che, però, non ha comunicato la data dell’avvio delle sanzioni – ha annunciato che «sono pronto a distruggere totalmente e rapidamente l’economia turca se i leader turchi continuano questa strada pericolosa e distruttiva».

Leggi anche: “La Turchia vuole cacciare i curdi e i cristiani dalla Siria”.

Tag

Articoli correlati

Back to top button
Close