CronacaGender

Trans vince le gare di sollevamento pesi femminili: è di nuovo dibattito

Si torna a discutere dei trans nelle categorie femminili dopo le gare americane di powerlift che hanno visto proprio vincere un trans.

Si chiama Mary Gregory ed è un trans. Ma, oltre a ciò, è anche una “sollevatrice” di pesi che ha accumulato più vittorie durante la competizione “100% Raw Weightlifting Federation” in Virginia.

Questo riaccende il dibattito sulla presenza di atlete transessuali nelle categorie femminili: già qualche mese fa a sollevare il velo sui loro vantaggi era stata Martina Navratilova, che per la sua osservazione è stata cacciata dall’associazione LGBT che rappresentava.

Mary Gregory, ha battuto ben quattro record mondiali femminili, tra cui record mondiale di squat, record mondiale open, record mondiale deadlift. La trans ha ringraziato dicendo di essere stata accolta benissima nella categoria femminile.

Tuttavia, il suo caso adesso è esemplare: ci si chiede cosa succederà alle olimpiadi. Come ha detto Flavia Pennetta, le atlete transgender sono diverse. Possono avere un aspetto da donna, ma hanno comunque un corpo da uomo. Cosa succede dunque se un trans vince un oro?

Il suo record verrà accettato con la stessa sportività o si comincerà a ricordare che, in effetti, esistono delle differenze fisiologiche che non possono essere nascoste?

Tag

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close