Toti lancia l’assemblea per tutto il centrodestra

di VoceControCorrente

Sarà il 6 luglio a Roma.

Io non vorrei lanciare un movimento, ma stiamo pensando a una assemblea, il 6 luglio in un teatro a Roma, per trovarci tutti insieme”. Così ha detto ieri Giovanni Toti, presidente della Liguria e anima critica di Forza Italia, intervenendo alla trasmissione di Rai 3 “Mezz’ora in più”. L’ex giornalista Mediaset si dice intenzionato a lanciare un’ “Assemblea per tutto il centrodestra“, per rilanciare tutta l’area politica di cui è espressione al governo della sua regione.

Una manifestazione nazionale che non segnerà però il suo divorzio da Berlusconi: “Non cerco di fare l’ennesima scissione, vorrei vedere tutta Forza Italia, le associazioni, i sindaci civici, ognuno a dire la sua con una liturgia diversa da quelle delle stanze chiuse e degli uffici di presidenza”. L’obiettivo resta quello di costruire un centrodestra con un’anima leghista ma anche moderata, riformista, popolare, cattolica, socialista riformista.

Ma se Toti ha da sempre tessuto rapporti eccellenti con Matteo Salvini e, soprattutto, con Giorgia Meloni, difficile sarà prevedere quali saranno le reazioni dei berlusconiani a questo appello. Se – da un lato – esiste una buona fetta di Forza Italia che in questi anni ha condiviso le critiche che il governatore ligure ha mosso alla dirigenza, dall’altro resistono gli irriducibili azzurri, difensori a spada tratta della linea dettata da Berlusconi. Già nei giorni successivi al voto, il commento amaro di Toti alla debacle forzista aveva scatenato numerose polemiche.

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un 'Mi Piace' sulla nostra pagina Facebook!

Articoli Correlati