Gender

Terzo sesso a Reggio Calabria: il gender arriva in Comune

Attacco alla famiglia dalla Commissione Cultura di Reggio Calabria: arriva la proposta per approvare il terzo sesso, né uomo, né donna.

È possibile che la questione gender arrivi persino nelle sedi istituzionali? Sì, stando a quanto avvenuto a Reggio Calabria. Pare infatti che la Commissione Cultura della Regione Calabria abbia deciso di dare spazio al terzo sesso.

Nè uomo, né donna: il terzo sesso è un concetto per cui il singolo individuo viene sottoposto a una categorizzazione neutra. Un vero colpo al binarismo di genere. La proposta di legge è la regionale numero 317-10.

La proposta prende il nome di “Disposizioni per il superamento delle discriminazioni basate sull’identità di genere e l’orientamento sessuale”. In soldoni diffonderebbe e imporrebbe l’ideologia gender su tutto il territorio calabrese.

Una strada pericolosa, che porta pericolose istanze retoriche e discriminatrici. Una strada che annulla la coscienza civica e cancella le radici culturali.

Inutile dire che concretizzandosi, la proposta metterebbe a rischio la libertà di pensiero e di opinione sancite dalla nostra Costituzione, come già detto da Francesco Marrara, portavoce di Generazione Famiglia.

Diverse associazioni si stanno mobilitando per impedire che la proposta veda effettiva applicazione, sottolineandone le implicazioni pericolose e il tipo di confusione che potrebbe generare, dando vita a un grosso problema nell’educazione civica e culturale.

 

Tag

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close