Esteri

Tassista musulmano salva 8 cristiani da un attacco terroristico

Dal Kenya giunge una storia di altruismo e generosità, a dimostrazione che esistono ancora persone disposte a salvare vite altrui indipendentemente dall’etnia o religione.

In Kenya pochi giorni fa a un tassista musulmano, Hassan Abdul, durante il trasporto di otto cristiani, è stato chiesto di fermarsi da parte di dieci uomini del gruppo terroristico islamico Al-Shabaab. L’uomo, ribellandosi all’ordine, è riuscito a fuggire, portando così in salvo i passeggeri.

Uno dei sopravvissuti, Simon Kiiru, ha raccontato gli attimi drammatici: «Aggirati gli aggressori, abbiamo notato di essere inseguiti, ci siamo sdraiati a terra e sentivamo gli spari sul furgone. Ringraziamo Dio che l’autista, anche se musulmano, non si è fermato. Il suo atto d’amore ha toccato i nostri cuori in un modo che non dimenticheremo mai».

Parole di elogio anche da parte della polizia locale: «Abbiamo ricevuto informazioni sul tentativo di attacco e abbiamo inviato immediatamente le nostre guardie di sicurezza che sono riuscite ad incontrare il veicolo in rotta, a circa quattro kilometri dalla città di Elwak. Ci congratuliamo con il signor Hassan Abdul per il suo coraggio e per aver schivato la trappola degli insorti somali salvando la vita di otto innocenti».

E Nathan Johnson, responsabile regionale dell’Africa di International Christian Concern, ha espresso parole lodevoli sulla vicenda: «Questa dimostrazione di coraggio è un messaggio di speranza. È attraverso atti del genere che il terrorismo può essere sconfitto».

Filippa Tagliarino

Leggi anche: Chiesa multata per una bibbia scritta in un’altra lingua.

Tag

Articoli correlati

Back to top button
Close