Gender

Svizzera ad un passo dai matrimoni gay

Il progetto di legge con 132 voti favorevoli e 52 contrari. In autunno, il "sì" definitivo del Consiglio degli Stati

Giovedì 11 giugno, il Consiglio Nazionale ha accettato il progetto del matrimonio tra persone dello stesso sesso con 132 voti favorevoli e 52 contrari. Tredici consiglieri nazionali si sono astenuti dal rispondere.

La Camera ha convalidato la versione più progressista del testo che prevede l’accesso alla donazione di sperma per le coppie femminili, quindi la PMA, così come la presunzione di maternità per la “moglie” della moglie della madre. Questo disegno di legge è stato sostenuto da tutta la sinistra, dalla RDPP ma anche da alcuni membri del PDC.

A favore del matrimonio per tutti, il Consiglio Federale, da parte sua, si era opposto all’apertura della PMA e al concetto di presunzione di maternità. Ma non è ancora tutto deciso. Il progetto di legge deve ancora passare attraverso il Consiglio degli Stati probabilmente quest’autunno. E l’UDF, un partito cristiano, sta già preparando un referendum.

In un articolo apparso sul quotidiano Le Temps dell’11 giugno, il rappresentante francofono dell’UDF, Marc Früh, ritiene che il diritto dei bambini ad avere un padre sarà al centro del dibattito: «Attualmente tutti sono sconvolti per il trattamento dei neri, ma a nessuno importa dei bambini. Non sono d’accordo. I bambini non possono difendersi quando sono vittime».

Sul suo sito, il partito afferma che «i bambini hanno bisogno di un padre e di una madre per svilupparsi in modo ottimale. È ovvio che le persone dello stesso sesso devono essere rispettate e valorizzate. Le garanzie legali sono comunque facilmente possibili al di fuori dell’istituzione legale del matrimonio».

Fonte: Evangeliques.info

Tag

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close