EsteriIn evidenza

Sudan, i cristiani potranno andare in chiesa

Consentire ai cristiani di partecipare alle loro funzione religiose. Niente esami scolastici il 25 dicembre e il 7 gennaio (giorno del Natale Copto, festeggiato dalla Chiesa Ortodossa). Sono queste alcune delle disposizioni – come riporta il sito francese dell’agenzia missionaria cristiana, Porte Aperte – del nuovo ministro agli affari religiosi del Sudan. Inoltre, la domenica, alle 10, i cristiani potranno smettere di lavorare e andare in chiesa.

UN CAMBIO DI ROTTA DECISIVO

Fino ad oggi, i cristiani sono sempre stati discriminati e non sono mai stati resi liberi di professare la loro fede, al contrario dei musulmani.

In Sudan, un paese islamico, i giorni festivi della settimana sono il venerdì e il sabato. Il vecchio regime islamista aveva dato ad ogni datore di lavoro il potere di decidere se dare o meno il permesso ai propri dipendenti cristiani per prendere parte alla celebrazioni religiose.

«Grazie a Dio – ha commentato pieno di gioia un leader della chiesa sudanese che, per motivi di sicurezza, preferisce rimanere anonimo – Il neo ministro agli affari religiosi ha promesso di cambiare le vecchie leggi, imposte dal vecchio regime, e che andavano sempre a discapito dei cristiani».
                                                                                                Gabriele Giovanni Vernengo

LEGGI ANCHE: Film con Gesù gay, giudice ordina la sospensione delle proiezioni

Tag

Gabriele Giovanni Vernengo

Classe 94', amante della cultura e dell'arte. Fermo nei propri valori e nella sua fede cristiana, porta avanti il proprio talento tramite la poesia e il giornalismo, definite da lui stesso come «missioni» e/o « vocazioni».

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close