Siria: triplo attacco ad un quartiere cristiano, 6 morti e 40 feriti

di Gina Lo Piparo

La persecuzione in Siria ha raggiunto livelli altissimi. Nel 2010 si stima che il 60% dei cristiani siriani abbia abbandonato il Paese.

La situazione dei Cristiani in Siria si fa sempre più critica: dopo l’uccisione di un sacerdote della Chiesa cattolica armena e di suo padre, un triplo attacco ha colpito il quartiere cristiano della città di Qamichli, uccidendo sei persone e ferendone una quarantina.

Evangeliques.info, che riporta la notizia, riferisce che il duplice omicidio si è consumato lunedì 11 novembre nella provincia di Deir ez Zour (nel nord-est della Siria), mentre la carneficina nel quartiere cristiano sarebbe accaduta il giorno successivo.

LEGGI ANCHE: Proteste in Cile: attaccate anche le Chiese.

«Incessantemente ai cristiani in Siria viene ricordata la loro vulnerabilità – commenta Sylvain Mercadier, giornalista della Francia Occidentale -; coloro che non rappresentano più del 10% della popolazione del paese vengono regolarmente presi di mira dagli islamisti».

L’esodo dei Cristiani ha proporzioni da non trascurare: secondo le stime di Fabrice Balanche, geografo all’Università di Lione II, sono 600mila i cristiani fuggiti dalla Siria dal 2011; il 60% della popolazione cristiana siriana nel 2010.

Gina Lo Piparo

LEGGI ANCHE: Valanga in Val Martello: le immagini della slavine che si abbatte sulle case.

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un 'Mi Piace' sulla nostra pagina Facebook!

Articoli Correlati