Politica

Scuola e coronavirus, la ministra Azzolina: “L’anno sarà salvo in qualsiasi caso”

Il punto della situazione.

Uno dei problemi che tiene banco da quando è stato indetto il nuovo decreto è sicuramente quello della scuola. Gli studenti italiani in un momento di confusione stanno cercando di tenere un ritmo scolastico attivandosi in media dalle 5 ore giornaliere, grazie anche al prezioso intervento a distanza dei docenti che dal 9 marzo guidano gli alunni incessantemente.

«Disuguaglianza nella scuola a distanza? Noi siamo assolutamente consapevoli di questo e abbiamo stanziato 85 milioni per l’acquisto di PC e tablet, stiamo per scrivere un decreto per ripartire queste risorse», così ha tranquillizzato la ministra dell’istruzione Lucia Azzolina, intervistata dalla trasmissione Radio Anch’io su Radio 1, in merito ai disagi che l’apprendimento a distanza può comportare, e aggiunge: «Stiamo facendo un monitoraggio di chi sta facendo didattica a distanza per arrivare anche agli studenti meno abbienti. C’è un diritto all’istruzione per tutti, ma la curva sulla didattica a distanza è in crescita».

Sulla riapertura della scuola, invece, risulta aleggiare molta confusione. Infatti, il governo non ha ancora espresso alcuna decisione certa, come afferma anche il Presidente Conte, a causa dell’incertezza degli eventi futuri riguardo l’emergenza coronavirus. Ma le misure restrittive, finora attribuite al 3 aprile, saranno prorogate. E in merito la ministra ha precisato:

«L’anno sarà salvo in qualsiasi caso. I nostri studenti non devono pagare la situazione di emergenza che il nostro Paese sta vivendo. Gli scenari li stiamo valutando tutti, ma saranno le autorità sanitarie a dirci esattamente quando i nostri studenti potranno tornare a scuola in sicurezza».

Infine, la ministra Azzolina, in un post su Facebook, non dimentica il personale scolastico: «Con il Decreto Cura Italia salvaguardiamo i contratti dei supplenti, sia docenti che ATA. Nessuno perderà il posto. Tutte le componenti del personale sono importanti. Ringrazio ancora una volta la scuola che sta provando a dare il massimo in un momento difficilissimo».

Filippa Tagliarino

LEGGI ANCHE: Galli: “Aumento dei contagi a Milano? Una domanda retorica”

 

Tag

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close