Sbarchi, vince la linea di Salvini: una nave sequestrata, l’altra va a Malta

di VoceControCorrente

Il vice premier è riuscito a evitare un altro caso Sea Watch.

Questa è andata diversamente. Nessun muro contro muro, arresti o rivolte, i casi relativi agli sbarchi di questa settimana sembrano essersi conclusi in maniera abbastanza composta, segnando la vittoria della linea dettata da Matteo Salvini. Nonostante sia la nave Alex, sia la Alan Kurdi (appartenenti rispettivamente alle ong Mediterranea e Sea Eye) avessero già forzato il blocco imposto dal governo italiano a Lampedusa, il vice premier leghista è riuscito comunque ad avere la meglio.

I migranti a bordo della Alex sono stati sbarcati (probabilmente verranno ridistribuiti in vari paesi europei) e la nave è stata posta sotto sequestro. Diversamente è andata per l’altra imbarcazione: dopo una trattativa internazionale, il governo di Malta si era detto pronto ad accogliere i migranti a bordo della Alan Kurdi, ma era stato lo stesso equipaggiamento ong a rifiutare l’invito, facendo rotta sull’Italia. Alla fine, però, le cose sono andate come auspicate dal governo italiano e la nave è ora diretta verso Malta.

 

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un 'Mi Piace' sulla nostra pagina Facebook!

Articoli Correlati