Cronaca

Sanità: gli italiani vanno a curarsi in Lombardia, Emilia Romagna e Veneto

Fuga da Lazio e Campania.

Gli italiani vanno a curarsi al centro nord. E’ questo il trend emerso nell’ultimo report della Fondazione Gimbe, dove si spiega come diverse regioni del Sud Italia siano tra gli ultimi posti per qualità e resa di servizi in ambito sanitario.

Uno spostamento di 4,6 miliardi di euro all’anno, per un flusso di denaro dal Sud al Nord dell’Italia. Ad incassare l’88% del saldo attivo sono Lombardia, Emilia Romagna e Veneto.

Tra le Regioni con il maggiore “indice di fuga”, ci sono il Lazio con il 13,2% e la Campania con il 10,3% che insieme contribuiscono a circa un quarto della mobilità passiva.

Per quanto riguarda da ricoveri in day hospital, e nei servizi specialistici ambulatoriai e farmaceutici, le Regioni hanno rendicontato un incasso di 4.578,5 milioni solo nel 2017.

Si può ridurre il fenomeno? “La bozza del nuovo Patto per la Salute prevede misure per analizzare e ridurre il fenomeno di fuga”, afferma Nino Cartabellotta, presidente della Gimbe (la fondazione che realizza e promuove attività di formazione e ricerca in ambito sanitario). “Difficilmente la fuga in avanti delle tre Regioni potrà ridurre l’impatto di un fenomeno dalle enormi implicazioni sanitarie, sociali, etiche ed economiche”.

Lilia Ricca

Tag

Articoli correlati

Back to top button
Close