Politica

Salvini a Palermo e le Sardine lo contestano

Il leader della Lega Matteo Salvini è stato oggi a Palermo e nel capoluogo siciliano le Sardine locali si sono immediatamente organizzate per contestarlo.

Interpellato sull’argomento, l’ex vicepremier ha affermato: «Se (le sardine, n.d.r.) hanno delle idee diverse dalle mie per il rilancio della Sicilia sono benvenute, io per il momento ho sentito da parte loro solo insulti. ‘Odio Salvini’ non mi sembra un programma per rilanciare il lavoro in Sicilia è uno stato d’animo. Come me lo spiego? Paura, paura del consenso e della gente. Ma chi vive di paura vive male», prima di entrare al teatro Al Massimo dove si è tenuta la convention con i dirigenti e i simpatizzanti della Lega.

Fuori, come scritto, la protesta delle Sardine con gli attivisti che hanno titolato la protesta ‘Citofona a Salvini e regalagli una copia della Costituzione’.

«La nostra presenza sarà all’insegna dei valori che ci contraddistinguono: non violenza, educazione, creatività, cultura ed originalità», avevano annunciato su Facebook lanciando la mobilitazione partita nel pomeriggio odierno in via Maqueda e che ha animato il quartiere Ballarò. «Proviamo pena per i razzisti perché si perdono la bellezza dell’integrazione», è uno degli slogan della protesta pacifica a cui, tra balli e canti, hanno partecipato anche molti migranti.

Intanto, è scissione tra le Sardine di Roma e quelle di Bologna dopo che le seconde hanno scelto di incontrare Luciano Benetton.

LEGGI ANCHE: Conte contro Salvini al citofono.

Tag

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close