Rifiuta l’aborto e sconfigge il cancro al seno al terzo stadio: “Un miracolo”

di VoceControCorrente

Una donna di Long Island (New York, USA) a cui è stato diagnosticato un cancro durante la gravidanza ha avuto uno straordinario coraggio nel combattere la malattia.

Jennifer Murphy era incinta da quattro mesi quando le è stata data la pessima notizia: aveva un cancro al seno al terzo stadio.

Inizialmente, i medici ritenevano che il nodulo fosse stato causato dai dotti lattiferi bloccati. Tuttavia, dopo l’ingrossamento dei linfonodi, Jennifer ha spinto per un approfondimento che si è concluso con la terribile diagnosi.

I medici, quindi, hanno consigliato alla donna di interrompere la gravidanza in modo che potesse dedicarsi al meglio al trattamento con la chemioterapia.

Tuttavia, dopo l’incontro con le dottoresse Karen Kostroff e Jane Carleton, si era presentata un’altra opzione che non avrebbe compromesso la vita che Jennifer portava in grembo.

«Aveva bisogno di essere trattata adeguatamente per la propria salute ma desiderava anche continuare la gravidanza», ha raccontato la dott.ssa Kostroff a ABC-7.

«Siamo stati in grado di curare Jennifer in modo sicuro, con lo scopo di curare il cancro e di permetterle una gravidanza sana», ha aggiuto la dott.ssa Carelton.

Ebbene, dopo otto settimane di chemioterapi specializzata, Jennifer e il marito hanno accolto la loro bambina in ottima salute. Il suo nome? Hope che in italiano si traduce con speranza.

Poco dopo il parto, però, i medici hanno scoperto che Jennifer era positiva alla proteina BRCA2, per cui restava un soggetto ad alto rischio per il ritorno del cancro.

Con una figlia piccola e non volendo correre alcun periclo, Jennifer ha scelto di sottoporsi a una doppia mastectomia e ha ricevuto il via libera nel settembre dello scorso anno.

Una scelta giusta: oggi Jennifer è ancora tra noi: «Il fatto di essere seduta qui, con i capelli e con mia figlia che ha 18 mesi, è un miracolo», ha raccontato la donna.

Leggi anche: Pastore ha vissuto 5 mesi in una canoa per predicare il Vangelo in un’isola remota delle Filippine.

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un 'Mi Piace' sulla nostra pagina Facebook!

Articoli Correlati