“Riapriremo Auschwitz”: gli orrendi insulti a un ragazzino ebreo a Ferrara

di VoceControCorrente

Orrore a scuola: un ragazzino ebreo è stato aggredito e insultato in una scuola media di Ferrara. I compagni: “riapriremo Auschwitz”.

Riapriremo Auschwitz e vi ficcheremo tutti nei forni”: con queste parole terribili un ragazzino ebreo è stato aggredito e insultato. Il tutto si è svolto nella sua scuola media, a Ferrara.

I compagni di classe del ragazzino lo hanno preso alla sprovvista in palestra, mentre erano negli spogliatoi. E avrebbero insultato pesantemente lui e gli ebrei in generale.

Un nuovo caso di antisemitismo, per altro nato in un ambiente giovane. Un evento che spaventa, che terrorizza e che ha portato la dirigente scolastica ad avvertire la comunità ebraica ferrarese.

Il grido “riapriremo Auschwitz” è stato forse la cosa più spaventosa. Al di là degli spintoni e della violenza, il richiamo ai campi di concentramento è raccapricciante. Per questo le scuse del ragazzino che ha iniziato l’aggressione non bastano.

Verrà convocato un consiglio di classe straordinario per comunicare con le famiglie degli aggressori. Ad avvisare la scuola è stata la mamma della vittima, incredula.

Il ministro Salvini si è espresso sui fatti, definendo il caso un Inaccettabile episodio di bullismo e razzismo. Ancora più spregevole perché avvenuto in una scuola. Sarò presto in città e vorrei incontrare il ragazzo e la sua famiglia e gli insegnanti, insegnanti che certamente riusciranno a evitare che simili episodi di violenza si ripetano in futuro.

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un 'Mi Piace' sulla nostra pagina Facebook!

Articoli Correlati