Economia

Reddito di emergenza, l’Inps: “In molte richieste manca una dichiarazione”

Alcuni dettagli, le scadenze e le modalità per presentare le istanze.

«L’esame delle prime richieste di Reddito di Emergenza (REM) pervenute all’Inps ha evidenziato come numerose domande siano prive di una Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) valida».

A renderlo noto proprio l’Inps che, attraverso la circolare n. 69 del 3 giugno 2020 ha illustrato le norme che disciplinano il REM, la nuova misura di sostegno economico introdotta con il decreto legge n. 34/2020 (articolo 82) in favore dei nuclei familiari in difficoltà a causa dell’emergenza epidemiologica da Covid-19.

REQUISITI, MODALITÀ E SCADENZE

Tra i requisiti richiesti al momento della presentazione della domanda e oltre a quelli socio-economici previsti dalla legge, è indispensabile la presenza di una DSU valida. In caso contrario, la domanda non potrà essere accolta e sarà quindi necessario presentare una DSU valida e, successivamente, una nuova domanda di REM.

Le domande possono essere presentate entro e non oltre il 30 giugno 2020, attraverso i seguenti canali: online, dal sito dell’Inps, autenticandosi con PIN, SPID (Sistema Pubblico di Identità’ Digitale) almeno di livello 2, CNS (Carta Nazionale dei Servizi) e CIE (Carta di Identità Elettronica); tramite i servizi offerti dai Patronati.

Gabriele Giovanni Vernengo

Tag

Gabriele Giovanni Vernengo

Classe 94', amante della cultura e dell'arte. Fermo nei propri valori e nella sua fede cristiana, porta avanti il proprio talento tramite la poesia e il giornalismo, definite da lui stesso come «missioni» e/o « vocazioni».

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close