Ragazzo obbliga la fidanzata ad abortire facendole bere il detersivo

di VoceControCorrente

La giovane voleva portare avanti la gravidanza, alla fine il piccolo si è salvato.

Diciassettenne incinta vuole portare avanti la gravidanza, il fidanzato e altre due amiche la aggrediscono e la costringono a bere del detersivo per abortire.

La terribile storia di violenza arriva da Londra e i protagonisti sono tutti giovanissimi. A quanto pare, all’origine dell’aggressione vi sarebbe stato il rifiuto da parte della ragazza di metter fine a quella gravidanza non voluta dal suo fidanzato.

Stando a quanto riportato da Independent, la lite si sarebbe svolta in casa del ragazzo, dove la diciassettenne si sarebbe recata all’incirca due settimane prima di Natale. Nell’abitazione era presente una seconda ragazza, che ha oggi 16 anni ma che al momento dei fatti ne aveva 15, e un’altra amica di 22 anni. Le due avrebbero iniziato a picchiare violentemente la giovane in stato di gravidanza con il dichiarato scopo di causare la morte del bambino.

Successivamente il ragazzo, momentaneamente allontanatosi, è tornato per chiedere alla giovane se fosse ancora intenzionata a non abortire e davanti alla sua risposta negativa, avrebbe detto alle due complici di proseguire con l’aggressione. A quel punto sarebbe subentrato il detersivo, il cui scopo era naturalmente quello di uccidere il feto.

Nonostante gli attacchi subiti e il lungo assalto, il bimbo è riuscito a sopravvivere senza riportare alcun danno, mentre la sua coraggiosa mamma ha denunciato in ospedale l’aggressione subita, facendo scattare le indagini della polizia che hanno condotto alla sentenza di questi giorni.

Il fidanzato è stato condannato a undici anni di carcere, l’amica maggiorenne a dieci, mentre l’adolescente a quattro.

Gina Lo Piparo

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un 'Mi Piace' sulla nostra pagina Facebook!

Articoli Correlati