CronacaLazioPiemonte

Psicosi coronavirus, giovane cinese “persona sgradita” in un autobus

Un fatto spiacevole è avvenuto a Frosinone, dove c’è stata una sassaiola contro un gruppo di studenti cinesi dell’Accademia di Belle Arti.

L’episodio è stato raccontato da Giuseppe Iaconis, docente di Fashion Design all’Accademia e la notizia è trapelata nel corso della conferenza stampa che la direttrice dell’istituto, Loredana Rea, e il presidente della Consulta degli studenti, Luca Spatola, hanno tenuto all’indomani del sospetto caso della studentessa cinese colpita da febbre dopo il ritorno da un viaggio in Cina.

La giovane, risultata poi negativa al test del coronavirus, è stata tenuta sotto osservazione all’Istituto Spallanzani di Roma e per questo motivo era stata disposta, in via cautelativa, la chiusura dell’Accademia che questa mattina ha nuovamente aperto i battenti.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, i cristiani di Wuhan chiedono di pregare.

Altro caso simile è avvenuto a bordo di un autobus tra Cuneo e Torino, dove una giovane cinese sarebbe stata fatta scendere a terra da alcuni passeggeri in quanto «persona non gradita». La ragazza, che non avrebbe padronanza delle lingua italiana, non ha sporto denuncia, ma ha riferito l’episodio alla comunità cinese di Torino.

A raccontare l’episodio è stata la sindaca di Torino Chiara Appendino, che oggi ha pranzato in un ristorante cinese della città in segno di solidarietà con la comunità cinese:  «Mi è stato evidenziato il caso di una ragazza, così mi è stato raccontato, che non si è sentita una presenza gradita su un autobus ma rispetto ad altre città non abbiamo avuto episodi forti e di questo voglio ringraziare i torinesi. A Torino non abbiamo avuto episodi di razzismo, detto questo, il periodo di convivenza con quello che sta succedendo a livello globale non sarà breve. L’invito a tutti, quindi, è di adottare gli strumenti necessari ma di non cadere nella psicosi perché questo non aiuta».

LEGGI ANCHE: Cina, la nuova emergenza sanitaria è l’aviaria.

Tag

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close