Più aborti in tv e al cinema: la decisione contro la vita arriva da Hollywood

di VoceControCorrente

Hollywood vuole più aborti in tv e al cinema per “normalizzarlo”: sarà sempre più frequente nei film che arriveranno in sala.

L’aborto deve diventare mainstream: così ha deciso Hollywood. Mentre film pro-vita come Unplanned vengono osteggiati con tanto di minacce di morte, la grande impresa cinematografica cerca di normalizzare l’assassinio dei bambini nel grembo materno.

Serie e film che descrivono la procedura come qualcosa di normale sono già notevolmente aumentati. Quest’anno il numero di aborti al cinema e in serie tv è arrivato a 21.

Lo scorso anno il numero si era attestato a 18, l’anno prima a 15. Ogni anno, come riportato sul New York Times, Hollywood investe per normalizzare l’aborto.

Gretchen Sisson, professoressa di etica riproduttiva presso l’Università della California, San Francisco, che gestisce il database dell’aborto su grande e piccolo schermo, ha detto che oltre 21 tra show e serie tv quest’anno hanno parlato di aborto.

Per il 2020 il numero aumenterà esponenzialmente: questo per via della tendenza liberale che sta portando molti americani di sinistra (tra cui registi e attori) a prendere posizione contro l’aborto.

La professoressa Sisson ha detto: “Il numero di aborti in televisione ha registrato un aumento proprio mentre più stati e politici cercavano di proibirlo o regolamentarlo”. Questo chiaramente ha fatto sì che le serie tv e i film venissero viste da tutte le frange radical chic ed elevati a punti di riferimento.

Insomma, come scritto anche da Life News, non ci sarà limite al peggio: persino sulla vita di creature innocenti è possibile lucrare. Senza riflettere sul dolore che ci sta dietro.

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un 'Mi Piace' sulla nostra pagina Facebook!

Articoli Correlati