Economia

Piano cashless, il governo accelera nella promozione dei pagamenti digitali

Previsto un protocollo per garantire ai commercianti zero commissioni sui pagamenti fino a 5 euro

Il governo spinge per accelerare la messa a punto del “Piano cashless” per spingere gli Italiani a preferire sempre più ai contanti i pagamenti digitali. Secondo fonti di governo, è già pronto un protocollo che garantisce ai commercianti zero commissioni sui pagamenti fino a 5 euro. Per quelli fino a 10 o 25 euro, invece, la possibilità di ridurre o azzerare le commissioni sarà affidata alla libera iniziativa dei gestori.

I pagamenti tracciabili guidano anche le strategie anti-evasione. “Compliance”, ossia l’adesione spontanea, resterà parola chiave per rafforzare gli strumenti per stanare i ‘furbetti del fisco’ e la riforma fiscale, che arriverà per delega in seguito all’approvazione della manovra.

Al momento la linea prevalente parrebbe quella di non intervenire sull’Irpef direttamente con la legge di Bilancio, che potrebbe prevedere un taglio dei sussidi dannosi per l’ambiente. In manovra dovrebbero però essere finanziati sia la conferma del taglio del cuneo per i redditi tra 28mila e 40mila euro sia l’avvio dell’assegno unico per i figli, probabilmente da metà anno.

In fase di studio anche un piano di incentivi alle assunzioni stabili, in particolare di giovani e donne, da affiancare al taglio del 30% dei contributi per tutti i dipendenti al Sud, insieme a una proroga iperselettiva della Cig Covid per alcuni settori più colpiti dalla crisi.

La riforma degli ammortizzatori, secondo il ministro del Lavoro Nunzia Catalfo, potrebbe vedere la luce “in due mesi”. Il Pd ha già elaborato una sua proposta, depositando alla Camera una legge delega. L’idea comune è quella di un ammortizzatore universale per tutti i lavoratori, indipendentemente dal tipo di contratto, e che dia una copertura anche agli autonomi, legandolo alle politiche attive e alla riqualificazione dei lavoratori.

Intanto, il governo si prepara alla partenza del Piano cashless. Da un lato, il meccanismo del cashback dovrebbe partire dall’1 dicembre (fino a 300 euro, con un premio “supercashback” fino a 3mila euro per i primi 100mila per utilizzo delle carte); dall’altro, avvio alla lotteria degli scontrini da gennaio, con premi fino a 5 milioni.

L’iniziativa sarà promossa, già da novembre con molta probabilità, attraverso una grande campagna di comunicazione tradizionale e social al fine di convincere anche i più giovani.

Tag

Gina Lo Piparo

Laureata in Scienze dell'antichità, ama la natura, i viaggi, la poesia, l'arte, la scrittura e Dio, fonte di tutte queste cose. Missionaria, crede nei valori cristiani, che intende come uno stile di vita concreto, reale e rivoluzionario.

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close