Esteri

Pakistan, giovane cristiano ucciso in un quartiere musulmano

Nadeem Joseph è morto dopo 25 giorni di ricovero e 5 interventi chirurgici.

Adeem Joseph era un cristiano pakistano. È morto il 29 giugno scorso perché viveva in un quartiere a maggioranza musulmana di Peshawar, in Pakistan. Venticinque giorni prima i musulmani lo avevano picchiato e gli avevano sparato perché non lo volevano come vicino.

Anche la sua matrigna Elizabeth e il cognato Babar Masih sono stati aggrediti e colpiti alla spalla e alla gamba. I cinque interventi chirurgici subiti da Nadeem Joseph non sono bastati per curare le gravi ferite riportate allo stomaco.

In un videomessaggio, registrato dal suo letto d’ospedale, Joseph ha affermato che non sarebbe stata l’unica vittima di un certo Salman Khan, il quale stava già attaccando anche la sua famiglia, chiedendogli minacciosamente «come una famiglia cristiana osa vivere tra i musulmani».

Sabir Michael, attivista cristiano, ne ha parlato con l’Agenzia Fides. Secondo lui, «simili episodi di attacchi alle comunità più vulnerabili stanno aumentando».

«Questa – spiega Sabir Michael – è una notizia estremamente triste e tragica. Prima di tutto chiediamo giustizia per Nadeem Joseph e per la sua famiglia. Ognuno ha il diritto di acquistare casa in Pakistan. Questo incidente costituisce una grave violazione dei diritti fondamentali».

«È un atto contro la legge e non può rimanere impunito. Inoltre – spiega ancora in conclusione Sabir Michael – va evidenziato con preoccupazione che simili episodi di attacchi alle comunità più vulnerabili sono in aumento. Il governo deve prenderlo sul serio».

«Questa – ha affermato Khalid Shahzad, un altro attivista cristiano in contatto con la famiglia di di Joseph – è una vicenda molto triste e particolarmente allarmante per l’intera comunità cristiana. Ora i colpevoli devono essere giustiziati per omicidio. Dopo questo attacco, la famiglia di Nadeem Joseph vive nel terrore . Tuttavia, è grata a tutti coloro i quali hanno offerto aiuto e assistenza per la cura di Nadeem Joseph e per il sostentamento delle spesse legali».

TRADUZIONE DALL’ARTICOLO: Nadeem Joseph est mort au Pakistan pour avoir acheté une maison dans un quartier musulman

LEGGI ANCHE: Pakistan, attentato alla Borsa di Karachi: 10 morti

Gabriele Giovanni Vernengo

Tag

Gabriele Giovanni Vernengo

Classe 94', amante della cultura e dell'arte. Fermo nei propri valori e nella sua fede cristiana, porta avanti il proprio talento tramite la poesia e il giornalismo, definite da lui stesso come «missioni» e/o « vocazioni».

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close