Esteri

Pakistan, 3 cristiani attaccati per avere difeso la costruzione della loro futura chiesa

Gulzar Masih possiede terreni nel distretto Chak 92-9L di Sahiwal, un villaggio in Pakistan che conta 150 case e che è abitato da 120 cristiani che non hanno mai avuto una chiesa dove riunirsi.

Così Gulzar ha deciso di costruire un semplice edificio che fungesse da chiesa sulla sua terra, per consentire ai fedeli di incontrarsi, senza dover percorrere diversi chilometri per trovare un luogo di culto. Ma i musulmani hanno rifiutato questo progetto. L’agenzia Fides ha fatto il punto della situazione.

Gulzar Masih era nella sua proprietà con suo figlio quando sono arrivati tre musulmani. Uno di loro ha rivendicato ingiustamente la sua proprietà del terreno, anche se il certificato ufficiale è intestato a Gulzar. Ne è conseguita una lite, che ha richiesto l’intervento della polizia. Tutti sono stati portati alla stazione di polizia e dopo poco tempo sono stati rilasciati. Ma i musulmani armati sono tornati presto sul campo per distruggere il muro dell’edificio. Il figlio di Gulzar, Azeem, così come anche Sajjad e Razaq si sono opposti. I musulmani, però, hanno sparato e ferito i tre cristiani che sono stati in seguito ricoverati nell’ospedale di Sahiwal.

Non appena dimessi dall’ospedale, i cristiani hanno appreso di essere stati denunciati dai loro aggressori.

Gabriele Giovanni Vernengo

LEGGI ANCHE: Iran, torna in libertà un cristiano dopo essere finito in prigione per ‘motivi di fede’.

Tag

Gabriele Giovanni Vernengo

Classe 94', amante della cultura e dell'arte. Fermo nei propri valori e nella sua fede cristiana, porta avanti il proprio talento tramite la poesia e il giornalismo, definite da lui stesso come «missioni» e/o « vocazioni».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close