Gender

Operazione per cambiare sesso, chirurgo plastico dell’Alabama: “Abuso sui minori inaccettabile”

(di Nausica Della Valle) Patrick Lappert, chirurgo plastico e diacono nella diocesi di Birmingham in Alabama, sostiene che l’idea di cambiare il sesso di qualcuno è una bugia e un vero abuso sui minori.

«È una forma di dittatura, che esercita una forma di crudeltà sui nostri corpi», ha affermato il dott. Lappert. «E nel caso dei bambini, si tratta di abusi sui minori».

Lappert, ospite della trasmissione Trend Radio, ha brevemente toccato gli effetti fisici negativi dell’attività sessuale dello stesso sesso e ha anche spiegato in dettaglio la realtà inquietante di ciò che accade quando una persona si sottopone alla cosiddetta chirurgia per il cambio di sesso.

Lo ha definito «assolutamente inaccettabile» e immorale per un chirurgo plastico, perché ignora la chiamata del chirurgo a bilanciare il rispetto sia della forma che della funzione del corpo nel suo lavoro.

«Riguardo ai bambini», continua Lappert, «sessualizzarli in giovane età con queste idee li prepara per un successivo abuso».

«È atroce», ha detto. «E nessuno sa nemmeno come andrà a finire. Non ci sono prove scientifiche a supporto della sicurezza di farlo per i bambini. Ma è stato fatto».

«I bambini non hanno la capacità di acconsentire a questo tipo di trattamento», ha affermato il chirurgo Patrick Lappert in merito alle procedure di cambio di sesso. «Non puoi dire a un bambino pre-adolescente nulla della sua vita adulta e aspettarti che capiranno quello che stai dicendo».

«Il loro concetto di sé stessi è negli anni formativi», ha continuato. «E chiedere a un bambino di pensare alla propria sessualità quando è pre-adolescente è assolutamente folle. Ed è in effetti un altro grande male che viene inflitto ai bambini, perché è la sessualizzazione delle normali e caste amicizie dell’infanzia».

Lappert ha anche spiegato come suggerire ai bambini pre-adolescenti che potrebbero essere gay sessualizza caste amicizie e li spinge a pensare sicuramente in questo modo.

Non saranno mai l’altro sesso

Alla domanda «Che cos’è un cambiamento di sesso?» Lappert ha risposto: «Beh, per cominciare, l’idea che tu possa cambiare il sesso di qualcuno è una bugia».

«Molte persone sono state portate a credere da molti programmi molto intelligenti e dalla pubblicità dei chirurghi plastici che non si può davvero cambiare un uomo in una donna o una ragazza in un ragazzo o qualcosa del genere», ha detto. «Non puoi. In sostanza, tutto ciò che puoi fare è modificare i corpi delle persone sia con medicine sia con un intervento chirurgico per far sembrare loro l’altro sesso, ma non saranno mai l’altro sesso».

Lappert, chirurgo generale certificato e chirurgo plastico e ricostruttivo, è un veterano della Marina, nonché cappellano dell’apostolato del coraggio nella diocesi di Birmingham.

Gli esperti hanno detto per anni che la chirurgia o il trattamento ormonale per individui con confusione di genere e incoraggiare i bambini con l’idea di cambiare sesso, non è la soluzione, ma può aggravare la loro condizione.

Tuttavia, secondo studi e ricerche, gli interventi di cambio di sesso sono in aumento, l’ideologia transgender continua a essere spinta nelle scuole, nel governo civile e nelle associazioni e istituzioni sanitarie, mentre gli individui confusi di genere sono sempre più diffusi nella cultura pop, nello sport, nei media e nella pubblicità.

Lappert afferma che le persone confuse in base al genere inizieranno ad adottare uno stile di vita imitando il comportamento del sesso che desiderano avere, cambiano il loro nome, i capelli e altri caratteristiche del loro aspetto, e quindi passeranno ad altri componenti dell’identità come il cambio della patente di guida e così via. Quindi vengono spesso introdotti farmaci ormonali e, sebbene a volte questi possano inizialmente far sentire meglio qualcuno riguardo alla loro confusione di genere, questo dà la falsa impressione che l’intervento chirurgico porterà al successo e l’assunzione di ormoni dell’altro sesso, nel tempo può avere un impatto fisico negativo.

La maggior parte degli interventi chimici e delle procedure cosmetiche eseguiti per alterare il viso o il collo di una persona sono in parte reversibili. Tuttavia, Lappert ha avvertito che interventi chirurgici più invasivi, come la mastectomia e le procedure che coinvolgono i genitali, non lo sono.

Una vagina contraffatta

Nel caso di uomini che cercano di presentarsi come donne, dopo che sono stati eseguiti gli altri interventi iniziali, una chirurgia genitale definitiva include la castrazione, la rimozione dei testicoli e l’apertura del pene e la rimozione del tessuto erettile, che è una procedura chiamata inversione del pene. È qui che il pene viene capovolto e sospeso nel bacino, trasformandolo in «una struttura ricettiva», ha spiegato Lappert.

«I tessuti dello scroto vengono quindi trasformati in labbra, il che significa che le porzioni dei genitali esterni del fallo stesso vengono utilizzate per creare le piccole labbra. Nel creare la struttura ricettiva, il chirurgo sta cercando di preservare i nervi, in modo che quelle parti dei genitali che provocano la sensazione erotica possano farlo». Il dott. Lappert continua in modo esplicito a descrivere il processo di trasformazione: «Che è una cosa molto stimolante da provare quando si sta essenzialmente mutilando il pene», ha detto, «per cercare di preservare il supporto neurologico per esso, in modo che la persona possa avere una sensazione erotica da questa vagina contraffatta che sì, ho creato».

«Il problema è che questa vagina contraffatta non vuole mantenere le sue dimensioni», ha detto Lappert. «E quindi devi costantemente occuparti della dilatazione per cercare di preservarne le dimensioni e così via».

Il chirurgo conclude: «Questa è l’operazione più comunemente eseguita per i maschi che cercano di presentarsi come femmine».

Nel caso delle donne che cercano di presentarsi come uomini continua Lappert, «inizia con la rimozione delle ovaie e dell’utero, la rimozione della vagina e la creazione di un neo fallo o di un pene contraffatto».

«Questo può essere fatto in un paio di modi diversi», ha detto, «uno è un’alta dose di testosterone che produrrà un allargamento del clitoride, e poi quando avrai raggiunto quei livelli molto alti di testosterone che hanno avuto questo effetto sul clitoride, viene eseguita un’operazione per allungare l’uretra in modo che l’uretra si estenda lungo la parte inferiore di questo clitoride allargato, in modo che l’urina si svuoti sulla punta di questa struttura».

Questa operazione si chiama metoidioplastica.

«Ed essenzialmente ciò che si ottiene lì è un piccolo fallo», ha detto Lappert, «e questo di solito è integrato dalla creazione di un neo scroto in cui sono collocati due testicoli protesici».

Per le donne che cercano un fisico più sviluppato, ha continuato Lappert, un neo fallo viene prodotto da quella che viene chiamata operazione di lembo.

È qui che un’area di tessuto, tipicamente dalla gamba, viene sollevata e trasformata chirurgicamente in una struttura cilindrica all’interno della quale è presente un tubo uretrale. Quel tubo dell’uretra è quindi collegato all’uretra nativa, che appare alla base del clitoride. Il tessuto stesso del clitoride è drappeggiato sulla base di questo neo fallo e quindi, ancora una volta, uno scroto contraffatto con testicoli protesici.

«E poi in quell’intero apparato è anche possibile impiantare protesi malleabili o gonfiabili in grado di produrre l’aspetto di un’erezione», ha spiegato Lappert. «Quindi questa si chiama falloplastica per operazione con lembo».

«L’operazione di lembo più comune eseguita oggi è quella di raccogliere la pelle per il neo fallo dall’avambraccio», ha affermato Lappert.

«Si chiama un lembo radiale dell’avambraccio ed è un intervento chirurgico tremendamente deturpante sull’avambraccio», ha detto. «E così queste donne che si presentano come uomini si tatueranno gli avambracci per nascondere la deturpazione».

«E quindi (alla fine) ciò che si finisce è un fallo contraffatto o una vagina contraffatta», ha dichiarato Lappert.

Perché questi sono contraffatti?

«Perché non funzionano come funzionano quelle strutture», ha detto Lappert. «È ovviamente il caso dell’organo riproduttivo che ciò che stai facendo è che stai derubando la persona di una capacità umana essenziale della facoltà riproduttiva. E questo non è reversibile o recuperabile».

Nausica Della Valle

Tag

Articoli correlati

Back to top button
Close