Oms: la dipendenza da videogiochi è ufficialmente una malattia

di VoceControCorrente

L’Oms (Organizzazione Mondiale della Sanità) inserisce la dipendenza da videogiochi nella lista delle nuove patologie.

La dipendenza da videogiochi è una malattia seria, una condizione da non sottovalutare. Al punto che l’Oms l’ha inserita nella lista ufficiale delle nuove patologie.

La notizia è stata resa ufficiale lunedì 26 maggio dai 194 membri dell’organizzazione. Questo nonostante la forte opposizione di alcuni scienziati e di alcune software house.

L’Oms definisce questo disturbo come “un comportamento legato alla pratica dei videogiochi o dei giochi digitali, caratterizzato da una perdita di controllo sul gioco”.

I soggetti affetti da dipendenza da videogiochi danno a questi priorità assoluta. Al punto da far loro prendere il passo su altre aree di interesse e attività quotidiane.

L’attività può inoltre proseguire e può sfociare nella pratica del gioco d’azzardo nonostante le ripercussioni dannose.

Affinché questo disturbo possa essere diagnosticato come tale, il comportamento deve essere di gravità sufficiente a provocare una compromissione significativa delle aree di funzionamento personali, familiari, sociali, educativi, professionali o di altro tipo, e in linea di principio manifestare chiaramente per un periodo di almeno 12 mesi.

I risultati delle pubblicazioni scientifiche, i bisogni e le richieste di trattamento in molte parti del mondo e le raccomandazioni del nostro gruppo di scienziati hanno inoltre aggiunto altri disordini da gioco alla “Classificazione Internazionale delle Malattie”.

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un 'Mi Piace' sulla nostra pagina Facebook!

Articoli Correlati