‘Non volevo che soffrissero’: medico accusato di aver ucciso 25 pazienti

di VoceControCorrente

Un medico dell’Ohio è stato accusato di omicidio: avrebbe messo fine alla vita di 25 pazienti somministrando loro farmaci letali.

A quanto pare c’era l’ossessione per una “dolce morte” dietro le azioni di un medico dell’Ohio, che ha ucciso 25 pazienti tra i 37 e gli 85 anni, somministrando intenzionalmente dosi letali di farmaci legali.

Il dottore, William Husel, ha perso prima il lavoro, poi il diritto di praticare la medicina e ora la libertà. È attualmente in carcere per quello che è considerato uno dei più grandi casi di omicidio nella storia degli Stati Uniti.

I pubblici ministeri hanno detto che il dottore di 43 anni ha deliberatamente ordinato dosi potenzialmente letali di fentanil antidolorifico per quei pazienti, senza altro scopo che accelerare la loro morte.

Il suo arresto è avvenuto dopo un’indagine di sei mesi. Gli investigatori hanno scoperto che Husel ha somministrato dosi che erano 10, 20 e anche 40 volte più di quanto ritenuto appropriato.

Spesso, lo ha fatto dopo aver detto a un membro della famiglia che il loro amato gravemente malato era in realtà clinicamente morto.  Le forze dell’ordine hanno detto che non è chiaro quale sia stato il motivo di Husel.

Il suo avvocato ha detto che stava cercando di alleviare il dolore dei suoi pazienti, non ucciderli. Ma se la condanna è confermata, potrebbe essere condannato all’ergastolo.

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un 'Mi Piace' sulla nostra pagina Facebook!

Articoli Correlati