Esteri

Nigeria, uccisi cinque uomini: avvertimento per tutti i cristiani

L'ISWAP ha lanciato il proprio appello tramite un video di 35 secondi.

Un nuovo orrore macchia la terra della Nigeria: un gruppo di militanti islamici ha giustiziato cinque uomini come avvertimento verso «tutti coloro che vengono usati dagli infedeli per convertire i musulmani al cristianesimo».

L’esecuzione è stata immortalata attraverso un video di 35 secondi, pubblicato mercoledì 22 luglio e poi rimosso. Tre degli uccisi sono stati identificati come cristiani da un residente del Borno, dove l’esecuzione è probabilmente avvenuta; si ritiene che gli altri due morti fossero invece musulmani.

Uno dei cinque carnefici, armati di fucili AK-47, lancia un messaggio in lingua hausa: «Questo è un messaggio per tutti coloro che vengono utilizzati dagli infedeli per convertire i musulmani in cristianesimo.

Vogliamo che voi là fuori capiate che quelli di voi che vengono usati per convertire i musulmani al cristianesimo vengono usati solo per scopi egoistici. E questa è la ragione ogni volta che vi catturiamo, a loro non importa salvarvi o lavorare per assicurare il vostro rilascio; e questo perché non hanno bisogno di voi né apprezzano la vostra vita. Pertanto, vi chiediamo di tornare ad Allah diventando musulmani. Continueremo a bloccare tutte le rotte [autostrade] che percorrete. Se non ascoltate il ​​nostro avvertimento, il destino di questi cinque individui sarà il vostro destino».

Le vittime

Un residente di Borno ha identificato tre dei morti. Si tratterebbe di Ishaku Yakubu, soccorritore di Chibok con Action Against Hunger e membro della Church of the Brethren (EYN), Luka Filibus, soccorritrice di Monguno con l’International Rescue Committee e membro dell’EYN, e Joseph Prince, lavoratore di un’impresa di sicurezza privata, membro della Redenta chiesa cristiana di Maiduguri.

Il filmato che mostra la loro morte non è l’unico. In un video del 21 giugno, Prince e Filibus hanno identificato i loro aguzzini come membri di Khalifa, termine usato da altri prigionieri per un gruppo di schegge di Boko Haram, l’ISWAP.

Il presidente Muhammadu Buhari in una dichiarazione ha contrassegnato le altre due vittime come lavoratori dell’agenzia di gestione delle emergenze dello stato della Nigeria e della Rich International.

Nel porgere le condoglianze alle famiglie delle vittime, Buhari ha affermato che il governo farà il possibile perché «ogni residuo residuo di Boko Haram venga spazzato via completamente dalla Nigeria nordorientale».

Gina Lo Piparo

LEGGI ANCHE: Cristiano torturato in carcere perché non voleva rinnegare la sua fede

Tag

Gina Lo Piparo

Laureata in Scienze dell'antichità, ama la natura, i viaggi, la poesia, l'arte, la scrittura e Dio, fonte di tutte queste cose. Missionaria, crede nei valori cristiani, che intende come uno stile di vita concreto, reale e rivoluzionario.

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close