EsteriIn evidenza

Nigeria, oltre 8mila cristiani uccisi in 11 anni dagli estremisti islamici

Il terribile bilancio di Joel Billi, presidente della Chiesa dei Fratelli della Nigeria.

In una conferenza stampa tenutasi il 2 luglio scorso, il pastore Joel Billi, presidente della Chiesa dei Fratelli della Nigeria, ha fatto il punto sulla persecuzione cristiana messa in atto da Boko Haram

I numeri, come riportato su PortesOuvertes.fr, sono terribili.

  • In 11 anni, la Chiesa dei Fratelli della Nigeria ha perso 8.370 parrocchiani uccisi nelle violenze. 8 pastori hanno perso la vita;
  • Le violenze hanno colpito quasi tutti i 60 distretti della Regione in cui è presente la Chiesa. La metà delle chiese è stata bruciata o distrutta. Molti parrocchiani hanno visto le loro case bruciate o saccheggiate;
  • Più di 700mila parrocchiani hanno dovuto abbandonare le loro abitazioni;
  • 25.000 vivono ancora nei campi profughi del vicino Camerun.
  • Delle 276 ragazze rapite a Chibok nell’aprile 2014 da Boko Haram, in 112 non sono ancora tornate a casa.

«Un numero in costante aumento» ha aggiunto il pastore, perché molti attacchi non vengono denunciati. Tra la fine del 2019 e il giugno 2020, più di 50 chiese sono state attaccate da Boko Haram.

La campagna omicida di Boko Haram è cominciata nel 2009 e ha causato la morte di decine di migliaia di vite e oltre 2 milioni di sfollati.

Gli attacchi compiuti da Boko Haram e da altri gruppi islamisti sono «sistematici … pianificati … calcolati» ha dichiarato ai primi di luglio l’arcivescovo della città di Jos, indicando che c’è «una chiara intenzione di islamizzare la Nigeria».

LEGGI ANCHE: Nigeria, i terroristi di Boko Haram hanno ucciso altri 60 civili.

Tag

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close