Esteri

Nigeria, i terroristi di Boko Haram hanno ucciso altri 60 civili

Tra le vittime anche una bambina di 4 anni.

Domenica 14 giugno il coordinatore umanitario delle Nazioni Unite in Nigeria Edward Kallon ha condannato gli attacchi avvenuti nei pressi di Monguno e Nganzai nello stato di Borno in cui molti civili sono stati uccisi e una struttura di aiuto umanitario è stata danneggiata da gruppi armati non statali.

«Sono profondamente rattristato dalla notizia che molti civili, incluso un bambino innocente abbiano perso la vita in questi orribili attacchi –  ha dichiarato Kallon in una nota – Le mie più sentite condoglianze vanno alle loro famiglie. Anche i feriti sono nei miei pensieri e auguro loro una pronta guarigione».

Due residenti e un combattente della Joint Tasks Force civile hanno riferito a Reuters che sabato mattina i militanti sono entrati a Nganzai dove hanno ucciso oltre 40 residenti.

Nel frattempo, due operatori umanitari e tre residenti nell’area hanno riferito che i militanti armati sono arrivati nella vicina città di Monguno intorno alle 11, quando hanno invaso il territorio e hanno ucciso  20 soldati, mentre alcuni civili sono rimasti feriti. L’Onu ha ricelato che almeno 37 altre persone sono rimaste ferite nei due attacchi.

«Hanno lanciato granate – ha detto a AFP il residente di Monguno Kulo – con propulsione a razzo che sono cadute nelle case, uccidendo tre persone e ferendone molte altre».

Secondo le fonti che hanno parlato con Reuters, sembrerebbe che i militanti abbiano incendiato una stazione di polizia locale e un ufficio umanitario delle Nazioni Unite a ISWAP. Inoltre, le fonti hanno rivelato che i militanti hanno distribuito lettere ai residenti, dicendo loro di non lavorare con militari, occidentali cristiani bianchi o infedeli. Kallon ha affermato che gli operatori umanitari e le loro strutture non dovrebbero mai essere un obiettivo e devono essere protetti e rispettati in ogni momento.

«Sono sollevato dal fatto che tutto il personale sia al sicuro, ma sono scioccato dall’intensità di questo attacco – ha detto Kallon – È l’ultimo dei molti scontri che colpiscono civili, attori umanitari e l’assistenza che forniamo».

Gli attentati di Monguno e Nganzai arrivano pochi giorni dopo ben 81 persone (alcuni rapporti suggeriscono almeno 69 persone) sono state uccise quando sospetta radicali islamici martedì scorso hanno attaccato una comunità.

La fazione di Boko Haram, Provincia dello Stato Islamico dell’Africa occidentale, che si è separata dall’insurrezione nel 2016, ha rivendicato la responsabilità di tutti e tre i recenti attacchi.

Secondo le Nazioni Unite, ci sono milioni di persone che vivono come sfollati interni in tutta la Nigeria che sono stati sradicati dalla violenza nelle loro comunità. Negli stati nord-orientali di Borno, Adamawa e Yobe, ci sono oltre 10,6 milioni di persone bisognose di assistenza. I sostenitori chiedono all’amministrazione Trump di nominare un inviato speciale per monitorare la situazione in Nigeria.

Lo scorso dicembre, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha incluso la Nigeria per la prima volta nella sua lista di controllo speciale dei Paesi che intraprendono o tollerano gravi violazioni della libertà religiosa. La Nigeria è il 12  peggior Paese al mondo per quanto riguarda la persecuzione cristiana, secondo la World Watch List degli Stati Uniti del 2020 di Porte Aperte

LEGGI ANCHE: Leah Sharibu: 2 anni nelle mani di Boko Haram perché non ha rinnegato la fede cristiana

Gabriele Giovanni Vernengo

Tag

Gabriele Giovanni Vernengo

Classe 94', amante della cultura e dell'arte. Fermo nei propri valori e nella sua fede cristiana, porta avanti il proprio talento tramite la poesia e il giornalismo, definite da lui stesso come «missioni» e/o « vocazioni».

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close