EsteriIn evidenza

Nigeria, 17 cristiani uccisi dai fondamentalisti islamici

L'attacco è avvenuto nella regione di Kanduna.

Almeno 23 persone, tra cui anche bambini, sono finiti sotto attacco nella regione di Kaduna, in Nigeria. Ne ha dato notizia Christian Post.

Il 12 maggio scorso l’Unione Popolare del Kaduna meridionale ha confermato che almeno 17 persone sono state uccise e altre sei ferite quando una milizia di pastori Fulani ha assediato il villaggio di Gonan Rogo.

Una famiglia con tre figli è stata decimata. Un’altra è stato assassinata in modo macabro. Un bambino di tre mesi è sopravvissuto alla morte: lui e la zia sono stati curati dalla Chiesa Battista di Albarka. Si ritiene che sei persone siano ricoverati in vari ospedali

Il 13 maggio, subito dopo la sepoltura di massa delle prime vittime – come da foto a corredo di questo post – gli aggressori si sono recati in due altri luoghi nella regione di Kajuru.

Secondo Christian Solidarity Worldwide, queste recenti offensive fanno parte di una serie di attacchi coordinati contro le comunità cristiane nella regione di Kaduna. La ONG, che difende i cristiani perseguitati, ha identificato 11 attacchi da parte delle milizie dei Fulani da quando è entrato in vigore il confinamento a causa della pandemia. Nessun miliziano è stato arrestato dal governo regionale.

In Nigeria, secondo la ONG, dal 2015 sono stati uccisi 11.500 cristiani da Boko Haram o dalle milizie Foulani.

Tag

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close