Bioetica

New York, legalizzato l’aborto fino al nono mese di gravidanza

I democratici approvano la legge.

Da oggi, nello stato di New York sarà possibile abortire oltre la ventiquattresima settimana. Il governatore democratico Andrew Cuomo ha firmato un provvedimento che legalizza di fatto l’interruzione volontaria di gravidanza fino al giorno del parto. Il testo era stato presentato circa tredici anni fa, ma solo adesso ha avuto il via libera definitivo dal Senato statale.

La  nuova legge permetterà alle donne di abortire in qualsiasi momento della gravidanza, se la salute della madre rischia di essere compromessa – una definizione decisamente ampia che comprende anche la salute mentale– o se il feto è gravemente ammalato. Al contrario, le norme in vigore fino a ieri permettevano di interrompere la gravidanza solo se la madre si trovava in pericolo di vita.

Insorgono i repubblicani, con in testa il presidente Donald Trump e il suo vice Mike Pence. L’inquilino della Casa Bianca è pronto a porre un veto su tutti i testi approvati dai parlamenti statali o dalla Camera, se questi rischieranno di intralciare la sua campagna contro l’aborto.

 

Tag

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close