CampaniaCronaca

Napoli, petardo esplode in un’ambulanza: “Si è rischiata una tragedia”

Shock a Napoli per l’esplosione di un petardo lanciato verso un’ambulanza, inviata nel quartiere Barra per soccorrere un paziente. Lo ha segnalato l’associazione Nessuno tocchi Ippocrate.

«Nell’aprire lo sportello del mezzo di soccorso – si legge su Facebook  – il medico viene investito da una deflagrazione causata da un fuoco d’artificio gettato da ignoti sotto l’ambulanza».

«La paura è stata tanta ed il rischio che l’ambulanza saltasse in aria era reale», per la presenza di ossigeno gassoso a bordo e benzina, ha scritto l’associazione. Il medico colpito dallo scoppio si farà refertare: attualmente accusa ipoacusia ed acufeni.

LEGGI ANCHE: Sondrio, muore una bimba di 5 mesi e la madre viene insultata

Un altro episodio è avvenuto nei pressi dell’ospedale San Giovanni Bosco dove una dottoressa è stata aggredita con una bottigliata da un paziente probabilmente psichiatrico, senza un apparente motivo.

Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale dei Verdi in Campania, ha affermato: «Quello accaduto a Barra è stato un grave atto criminale. Lo è già di per se l’utilizzo di botti illegali ma utilizzarli, di proposito, contro chi compie il proprio lavoro, chi effettua un soccorso medico, corrisponde ad un atto terroristico. Si è messo a repentaglio non solo la vita del medico colpito dal petardo ma quello dell’intero equipaggio e la sicurezza dell’intera area perché l’ossigeno gassoso presente sull’ambulanza avrebbe potuto dar vita ad uno scoppio di dimensioni catastrofiche. Sarebbe potuta diventare una tragedia. Ora, occorre identificare e punire i criminali di questo insano gesto».

LEGGI ANCHE: Littizzetto in ospedale insultata su Instagram.

Tag

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close