CampaniaIn evidenza

Napoli: 11enne si suicida. Forse vittima di “challenge dell’orrore”

Il piccolo ha lasciato un biglietto di scuse alla madre, alludendo ad un "uomo nero".

Si è suicidato lanciandosi dal balcone di casa. La tragica vicenda è avvenuta a Napoli e ha come protagonista un bambino di 11 anni.
La Polizia di Stato e la Procura ipotizzano che si tratti di istigazione al suicidio, dal momento che un bigliettino, scritto dal piccolo prima di compiere il gesto fatale, fa riferimento ad uno stato di paura che avrebbe caratterizzato le sue ultime ore di vita.
Chiedendo perdono alla madre per ciò che stava per compiere, infatti, il ragazzino ha fatto allusione a un “uomo nero”. Gli inquirenti sospettano che possa trattarsi di una delle cosiddette “challenge dell’orrore”, come l’ormai tristemente nota “blue whale” che qualche tempo fa spinse diverse vittime prima all’autolesionismo e poi a togliersi la vita.
Da quanto emerso finora, il bambino, residente con la famiglia nel quartiere Chiaia di Napoli, era sano e felice, praticava sport ed era perfettamente integrato.

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close