Politica

Motovedette in Africa e più controlli: il governo italiano sfida le ong

Le nuove disposizioni del Viminale sono state presentate oggi dal vice premier Salvini.

Non sarà un blocco navale ma qualcosa di simile. Cambiano e si inaspriscono le misure di contrasto all’immigrazione clandestina. In un’attesissima conferenza stampa, oggi pomeriggio il Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza ha presentato le nuove disposizioni messe in campo “per difendere i porti italiani“. A presiedere l’organo para governativo è il vice premier Matteo Salvini.

Tra le novità ci sarà l’incremento dei controlli per ridurre le partenze dei migranti, tramite l’impiego di radar, mezzi aerei e navali. Potenziate anche le navi della Marina militare e della Guardia di Finanza, che saranno poste a presidio dei porti italiani.

Ma il contrasto alla clandestinità non avverrà soltanto all’interno delle acque territoriali italiane: “Contatti con la Tunisia – ha affermato lo stesso Salvini – serviranno a migliorare e aumentare i rimpatri”. Infine, sempre per far fronte al traffico illecito, è previsto l’invio di dieci motovedette italiane da consegnare alla guardia costiera libica entro l’estate.

 

Tag

Articoli correlati

Back to top button
Close