Cronaca

Morto carabiniere per coronavirus, seconda vittima nell’Arma

A Bergamo, nel giro di poche ore, un altro carabiniere lascia i propri cari

Il virus più letale degli ultimi anni ha già mostrato la sua ferocia, colpendo senza nessuna distinzione di età. Se inizialmente gli anziani sembravano le prede predilette, ecco che la soglia è scesa notevolmente.

Molti i quarantenni che hanno perso questa battaglia, come Claudio Polzoni, 47 anni, Appuntato scelto dell’Arma, morto la notte scorsa a causa delle complicaze di una polmonite. Il carabiniere era ricoverato all‘ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo e prestava servizio alla Centrale Operativa del Comando provinciale di via delle Valli, nella stessa città che lo ha visto spirare.

Dopo il decesso del Maresciallo Massimiliano Maggi, di La Spezia, un’altra membro dell’Arma lascia i propri cari, la sua preziosa figlia di 10 anni, proprio il giorno della festa del papà , e la moglie. Ed è a loro che il ministro della difesa Lorenzo Guerini si rivolge: «Alla famiglia dell’Appuntato Scelto Claudio Polzoni , alla moglie e a tutta l’Arma dei carabinieri giungano la mia vicinanza e il mio cordoglio» . Poi, rivolgendosi alla popolazione prosegue :« vicinanza a tutti gli italiani che in questo momento piangono la perdita di un proprio caro. Supereremo insieme questa emergenza ma in questo momento è necessario stare a casa. È questo l’unico modo per aiutare tutti coloro che in queste ore stanno lavorando senza sosta».

Anche l’arma dei Carabinieri in un post, ha voluto così ricordare il collega: «Anche oggi la Centrale Operativa di Bergamo risponderà alle chiamate di emergenza. Ma tra le voci di tanti militari, non sentirete più quella di Claudio Polzoni, Appuntato Scelto Qualifica Speciale dei Carabinieri, vittima del coronavirus. Difficilmente lo avrete incontrato in servizio a Bergamo: lui rispondeva al 112, raccogliendo emergenze, paure, a volte solo il bisogno di dialogare. A 46 anni, lascia una moglie e una figlia che la grande famiglia dell’Arma sta già abbracciando con amore. E lascia il ricordo degli uomini invisibili, ma in grado di cambiare la vita alle persone attraverso pochi istanti. Grazie Claudio, buon viaggio» .

Filippa Tagliarino

Tag

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close