Esteri

Minori che guardano siti hard, in Francia una legge per vietarne l’accesso

Il Senato francese ha dato il via libera a un sistema di controllo per tutelare i minori.

All’unanimità, il Senato francese ha votato nella notte dal 9 al 10 maggio un emendamento al disegno di legge sulla violenza domestica volto a bloccare i siti pornografici accessibili ai minori.

Questo testo, che ha ricevuto il sostegno del governo, consente al presidente del CSA (Conseil supérieur de l’audiovisuel) di oscurare qualsiasi sito che diffonda contenuti pornografici se non permette il controllo dell’età dei suoi utenti al fine di impedirne l’accesso ai minori.

Il sistema di controllo potrebbe passare attraverso France Connect o l’uso di una carta di pagamento. In caso di non conformità, il presidente del CSA può prendere la decisione di chiudere il sito.

«La diffusione di contenuti pornografici ai minori è già vietata dalla legge. In realtà, sappiamo che molti giovani hanno già visto un film porno, è spaventoso», ha affermato la senatrice Marie Mercier. «In realtà, molti siti hanno rinunciato a mettere in atto un vero controllo perché genera pubblico».

Con il sistema di accesso con l’identità digitale France Connect, un sito porno avrebbe la garanzia che l’utente sia legalmente adulto. I siti che non si adegueranno alle nuove normative potranno essere soggetti a confisca.

Già il Regno Unito nel 2015  ha progettato un sistema di sicurezza simile a quello adottato dalla Francia ma con scarsi risultati. L’applicazione di questo nuovo emendamento e le procedure per il controllo dell’età degli utenti di internet sollevano una serie domande, in particolare quella dell’anonimato su internet.

Filippa Tagliarino

 

Tag

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close