Esteri

Migranti, si capovolge barcone: 58 morti al largo della Mauritania

Almeno 58 migranti sono morti ieri – mercoledì 4 dicembre – quando il barcone sul quale si trovavano si è capovolto nell’Oceano Atlantico davanti alle coste della Mauritania.

Lo ha reso noto l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim). Ottantatré persone sono riuscite a mettersi in salvo nuotando a riva. Sul barcone, che era partito dal Gambia il 27 novembre scorso (sembra con l’intenzione di raggiungere le isole Canarie), c’erano almeno 150 persone, tra cui donne e bambini.

I feriti, di cui non si conosce ancora il numero, sono stati portati nell’ospedale di Nouadhibou. Come riportato dall’Ansa, il bilancio delle vittime è uno tra i più alti registrati quest’anno.

LEGGI ANCHE: Stati Uniti d’America e Corea del Nord tornano a minacciarsi la guerra.

«Le autorità della Mauritania stanno coordinando in modo molto efficiente i soccorsi con le agenzie presenti attualmente a Nouadhibou», ha detto Laura Lungarotti, responsabile dell’Oim. L’agenzia della Nazioni Unite ha reso noto che il barcone era a corto di carburante mentre si avvicinava alla Mauritania. Per il momento le autorità del Gambia non hanno commentato la tragedia.

Il ministero dell’Interno della Mauritania ha parlato di una «tragedia» conseguente «al fenomeno dell’immigrazione clandestina che decima la gioventù africana» e ha lanciato un appello «ad unire gli sforzi per porre fine a questa spirale mortale».

LEGGI ANCHE: Bologna, custode spara per mettere in fuga i ladri: un morto.

Tag

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close