Migranti, il ministro Di Maio: “Fermare le partenze dal Nordafrica”

di VoceControCorrente

«Ieri sera ho sentito il ministro Lamorgese, in queste ore stiamo seguendo con molta apprensione quello che sta succedendo. Una cosa è certa, noi dobbiamo lavorare per fare in modo che le imbarcazioni non partano più dalle coste libiche, tunisine e del Nordafrica. Ci stiamo lavorando con tutte le nostre forze».

Così il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, sul naufragio dei migranti a Lampedusa.

Intanto, come si apprende dalle agenzie, è salito a sette il numero dei cadaveri recuperati dopo il naufragio di un barcone con oltre 150 migranti avvenuto ieri a poco più di un chilometro dalla spiaggia dell’Isola dei Conigli.

LEGGI ANCHE: Giuseppe Conte e i buoni propositi per il 2020: “Ecco cosa deve fare il governo”.

I migranti tratti in salvo sono al momento 149 tra i quali 13 donne e tre bambini: hanno rivelato che sull’imbarcazione erano presenti altre venti persone che attualmente risultano disperse.

.

[efb_likebox fanpage_url=”https://www.facebook.com/vocecontrocorrente/” box_width=”300″ box_height=”300″ locale=”it_IT” responsive=”0″ show_faces=”1″ show_stream=”0″ hide_cover=”0″ small_header=”0″ hide_cta=”0″]

.

Il barcone si è capovolto nel tardo pomeriggio mentre si apprestava a raggiungere la costa dell’Isola di Lampedusa a seguito del mare in tempesta. Il maltempo, tra l’altro, sta ostacolando le ricerche nelle quali sono impegnate due motovedette e un aereo della Guardia Costiera, una nave e un elicottero della Marina Militare, una motovedetta e un pattugliatore della Guardia di Finanza.

Secondo quanto riporta la stampa locale, la Procura di Agrigento ha aperto un’indagine, mentre la polizia ha ascoltato nella notte i superstiti.

LEGGI ANCHE: Incidente stradale sull’A2: furgoncino va fuori strada, un morto.

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un 'Mi Piace' sulla nostra pagina Facebook!

Articoli Correlati