Medio Oriente, Save The Children: “3 bambini uccisi nell’escalation”

di VoceControCorrente

Forte preoccupazione arriva da Save the Children per l’escalation di violenze a Gaza e nel sud di Israele e l’organizzazione chiede un «cessate il fuoco immediato», denunciando come i suoi operatori a Gaza siano stati costretti a sospendere i programmi.

«Save the Children è molto preoccupata per l’escalation delle ostilità tra Israele e gruppi armati nella Striscia di Gaza. Ci sono tre bambini e una donna tra i 23 palestinesi uccisi nelle ultime 24 ore», ha dichiarato il portavoce Filippo Ungaro citando i dati diffusi dal ministero della Salute di Gaza.

LEGGI ANCHE: Famiglia di mormoni trucidata in Messica: anche neonati.

«Trenta bambini sono rimasti feriti a Gaza e un bambino ferito è stato segnalato nel sud di Israele – ha proseguito il portavoce – Per il secondo giorno consecutivo, centinaia di migliaia di bambini hanno subito la chiusura delle scuole a Gaza e nel sud di Israele, e i genitori sono terrorizzati da possibili ulteriori ritorsioni. I nostri operatori a Gaza non hanno potuto lavorare e abbiamo dovuto sospendere i nostri programmi. I bambini trascorrono la loro giornata nel terrore di nuovi attacchi. Chiediamo un cessate il fuoco immediato e l’interruzione di ogni ulteriore escalation che possa mettere a rischio i bambini».

Fonte: Adnkronos

LEGGI ANCHE: L’Eredità, il campione Niccolò Pagani ha lasciato il gioco, ecco perché.

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un 'Mi Piace' sulla nostra pagina Facebook!

Articoli Correlati