Medico maratoneta dice ‘no’ ai mondiali per restare in corsia

di VoceControCorrente

La scelta commovente di una pediatra italiana, che ha messo il suo lavoro davanti a tutto.

Appassionata di sport, maratoneta dalle grandi capacità agonistiche, ma prima di tutto pediatra. E’ questa la storia di Catherine Bertone, 47 anni, della Valle d’Aosta, fisico e prestanza da grande atleta, che però di mestiere fa il medico e si prende cura dei bambini del suo territorio presso l’ospedale Beauregard, nel capoluogo valdostano.

La specialista è riuscita a qualificarsi ai Campionati Mondiali di Doha (in Qatar), un risultato importante che l’ha resa orgogliosa degli sforzi fatti, ma che non le ha fatto mettere da parte il suo impegno a favore dei più piccoli. Così Catherine, invece di volare in medio oriente, ha deciso di restare in reparto.

Onoratissima di poter vestire la maglia azzurra in un mondiale di atletica leggera, ma ahimè la coperta in ospedale è sempre più corta“.

Una scelta, quella della pediatra, che secondo quanto riportato dall’Ansa, sarebbe legata alle condizioni di difficoltà in cui verte da tempo la struttura sanitaria in cui la Bertone opera. Già in passato la stessa “atleta in corsia” aveva rinunciato a diversi impegni sportivi, per restare nella sua terra a curare i bambini.

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un 'Mi Piace' sulla nostra pagina Facebook!

Articoli Correlati