Economia

Mc Donald’s caccia il proprio Ceo: vietate le relazioni tra dipendenti

Il presidente del consiglio di amministrazione Enrique Hernandez ha annunciato la sostituzione di Steve Easterbrook con Chris Kempczinski.

Niente relazioni, seppur consensuali, tra dipendenti. Su questa regola interna Mc Donald’s, colosso mondiale del fast food, è irremovibile. Così, il Ceo (amministratore delegato) Steve Easterbrook viene cacciato dalla direzione e sarà sostituito da Chris Kempczinski.

Ad annunciarlo è stato direttamente il presidente del consiglio di amministrazione Enrique Hernandez Jr. Anche lui, come Easterbrook è entrato a far parte nell’azienda nel 2015. Hernandez, finora, è stato a capo di McDonald’s Usa.

Steve Easterbrook

Easterbrook era diventato l’amministratore delegato nel 2015, avviando un piano aggressivo di modernizzazione. Tra le altre cose, aveva ristrutturato i negozi, includendo i menù digitali; acquisito compagnie di intelligenza artificiale per vendere di più e cambiato l’offerta eliminando i panini più elaborati, riducendo i turni notturni, introducendo hamburger più grandi di carne fresca.

Restio alla tendenza e alla filosofia vegetariana, ha convinto diversi concorrenti a puntare sulle proteine vegetali. Le sue scelte hanno portato notevoli risultati, come dimostra l’aumento delle vendita e la risposta positiva da parte della borsa di Wall Street, nonostante nel terzo trimestre non sarebbero stati raggiunti risultati sperati e alcuni gestori, pur avendo richiesto cambiamenti nei menù (tra questi, l’introduzione del panino al pollo) non sono stati esauditi nelle loro richieste.

Nonostante i traguardi raggiunti, la carriera di Easterbrook all’interno del colosso fast food sembrerebbe terminare qui, senza appello.

Gabriele Giovanni Vernengo

Tag

Articoli correlati

Back to top button
Close