Matrimonio gay in Irlanda del Nord, le Chiese contro la nuova legge

di VoceControCorrente

Le più grandi confessioni cristiane nell’Irlanda del Nord hanno fatto sapere che non celebreranno matrimoni tra persone dello stesso sesso nelle loro chiese.

Dopo la legalizzazione del matrimonio omosessuale in Irlanda del Nord (ma anche dell’aborto) a causa della paralisi dell’esecutivo locale, la Chiesa prespitariana d’Irlanda (PCI), la Chiesa d’Irlanda e la Chiesa metodista d’Irlanda hanno tutte confermato che manterranno la definizione biblica di matrimonio.

Le Chiese, inoltre, starebbero cercando delle protezioni legali per affrontare eventuali ripercussioni in seguito all’opposizione di conformarsi alla nuova legge, come riportato su Christian.org.uk.

Il Reverendo Jim Stothers, Vice Impiegato dell’Assemblea Generale del PCI, ha affermato: «Sin dall’inizio della creazione, Dio, nel suo benevolo proposito, ha concesso il matrimonio come il modo accettato in cui un uomo e una donna possono unirsi come marito e moglie», aggiungendo che «l”introduzione del matrimonio omosessuale nell’Irlanda del Nord non cambia questa convinzione».

Un portavoce della Chiesa d’Irlanda ha confermato che, in conformità con «l’insegnamento di nostro Signore», la denominazione non conterrà i matrimoni tra persone dello stesso sesso.

Un portavoce, poi, della Chiesa Metodista ha detto al Belfast Telegraph che il matrimonio è tra «un uomo e una donna».

Il dott. Richard Clarke, arcivescovo di Armagh della Chiesa d’Irlanda, ha chiesto «l”impegno coscienzioso» da parte dei cittadini nordirlandesi.

Leggi anche: Irlanda del Nord, sì ad aborto e matrimonio gay.

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un 'Mi Piace' sulla nostra pagina Facebook!

Articoli Correlati