Esteri

Matrimoni infantili in Nord Africa: il quadro della situazione (sconfortante)

I dati UNICEF forniscono drammatici risultati. Quest’anno circa 12 milioni di bambini in tutto il mondo contrarranno matrimonio prima dei 18 anni.

I matrimoni infantili sono diffusi nei paesi in via di sviluppo e l’Africa subsahariana ne detiene il primato. Quasi sempre, a soccomberne è il sesso debole, infatti, le bambine incarnano perfettamente il ruolo di vittime di un sistema motivato dalla povertà, tradizioni patriarcali, disuguaglianza di genere e dalla precaria situazione socio-economica in cui riversano intere famiglie, specialmente nelle aree rurali.

Solitamente, le spose bambine sono soggette ad abusi, violenza e sfruttamento, con gravi conseguenze devastanti a livello fisico e psicologico. Le gravidanze in giovane età provocano un tasso rilevante di mortalità infantile, insieme ai suicidi commessi da giovani mogli per evadere da un matrimonio combinato.

Numerosi fattori economici, sociali e culturali sono alla base del matrimonio minorile, costringendo le ragazze a sposarsi prima dell’età legale. Tuttavia, paesi come Marocco, Algeria e Tunisia hanno fatto progressi nell’istruzione delle donne al fine di contrastare il fenomeno, migliorandone le condizioni di vita.

Certamente ci sono stati segni incoraggianti, contribuendo così alla riduzione del numero di matrimoni infantili, ma i tre paesi nordafricani, pur avendo riconosciuto i trattati internazionali sui diritti umani e adottato convenzioni universali, non hanno ancora messo totalmente in pratica leggi per la tutela delle giovani spose.

LEGGI ANCHE: L’Onu ha rimproverato il Vietnam sulla libertà religiosa.

Le organizzazioni per i diritti umani e delle donne sottolineano la necessità di porre fine a questa usanza attraverso una seria legislazione, chiedendo di rendere completamente illegale il matrimonio infantile con pene severe per i trasgressori.

Sfortunatamente, le misure legali per proteggere donne e bambine, devono affrontare notevoli ostacoli, tra cui l’atteggiamento dei fanatici religiosi, la cultura conservatrice e la discriminazione sessuale. Pertanto, altri passaggi sono necessari, come una campagna di sensibilizzazione e una strategia nazionale per l’integrazione della donna nello sviluppo economico, sociale, culturale e politico.

Per raggiungere l’obbiettivo dello sviluppo sostenibile e debellare il matrimonio precoce, i governi e i leader della società civile in Nord Africa devono impegnarsi alla salvaguardia dei minori, donando il diritto all’infanzia per sconfiggere la piaga delle spose bambine.

Filippa Tagliarino

LEGGI ANCHE: Piero Angela in ospedale dopo una caduta.

Da SaluteLab: Bambino con l’ittiosi arlecchino abbandonato in ospedale.

Tag

Articoli correlati

Back to top button
Close