Economia

Manovra: pronta la stangata su diesel, giochi e sigarette

In queste ore si sta lavorando alla Manovra in vista del Consiglio dei Ministri che è slittato a domani perché non si è trovato un accordo tra i quattro partiti della maggioranza sul documento di bilancio per il 2020 da inviare a Bruxelles (il termine scade alla mezzanotte del 15 ottobre).

Come riportato dall’Ansa, l’accordo di maggioranza non sembra vicino e il governo si è preso tutto il tempo necessario. La difficoltà sarebbe legata alla mancanza di risorse.

Tra le opzioni individuate per trovare le coperture ci sarebbe l’aumento del diesel così come potrebbe aumentare la trattenuta dello Stato sulle vincite dei giochi e un ritocco al Preu (prelievo unico erariale) su slot machines e video poker. Azioni che permetterebbero di portare alla legge di bilancio circa 400 milioni di euro.

Poi, tra le misure individuate per garantire maggiore reddito c’è anche l’aumento delle accise sulle sigarette.

Il MoVimento 5 Stelle ha anche rimesso sul tavolo la proposta di introdurre il salario minimo a 9 euro l’ora e suggerisce di destinare una parte del taglio delle tasse sul lavoro alle imprese, come forma di compensazione.

Matteo Renzi, infine, si sarebbe mpuntato sulla revisione di Quota 100, sostenendo che è una misura che danneggia le giovani generazioni.

Leggi anche: Decreto Fiscale, carcere anche per chi non paga le tasse.

Tag

Articoli correlati

Back to top button
Close