M5S e radicali promuovono convegni pro cannabis, da Milano alla Sicilia

di VoceControCorrente

Parte oggi la tre giorni prevista a Catania, a Maggio toccherà al capoluogo lombardo. Insorge la destra.

Si chiamerà “Expo Canapa sud” ed è l’evento organizzato alle Ciminiere di Catania, previsto per questo fine settimana. Da oggi, fino a domenica, nella città etnea si riuniranno industriali che lavorano nel mondo della cannabis, professori universitari e politici, tutti uniti a sostegno della stessa causa: sensibilizzare l’opinione pubblica aull’uso della “droga leggera” e sollecitarne la totale legalizzazione. A dare manforte alla tre giorni saranno ancora una volta alcuni esponenti del Movimento 5 stelle. I pentastellati, infatti, sono attualmente impegnati in Senato a con un ddl che propone il via libera all’uso ricreativo di questa droga leggera. In Sicilia, il grande sponsor di questa discutibile battaglia è Luigi Sunseri, deputato regionale grillino.

Ma la manifestazione catanese non sarà la sola. Dal 3 al 5 maggio, a Milano ci sarà un altro “Cannabis Expo“, un evento – questa volta – di portata internazionale, dove i 5stelle hanno trovato alleato naturale nei radicali.

Se però gli organizzatori parlano di normale sensibilizzazione a carattere scientifico, c’è chi vede dietro questa mossa un intento puramente economico. Legalizzare l’uso ricreativo della cannabis favorirebbe di certo i business di questi imprenditori che “disinteressatamente” si stanno impegnando nella causa, facendo cassa sulla salute degli italiani, specie dei più giovani.

Un’idea del tutto folle che non è piaciuta al parlamentare di Fratelli d’Italia, Carlo Fidanza: “E’ una vergogna – commenta il deputato -, non si può usare la scusa di dibattiti sulla canapa light e diffondere il messaggio che la cannabis non sia una droga”. Dai sovranisti sollecitazioni al governo, affinché chiarisca la situazione.

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un 'Mi Piace' sulla nostra pagina Facebook!

Articoli Correlati