Cultura & Scienze

Ludopatia: cos’è, sintomi, prevenzioni e dove cercare aiuto

Una piaga che diventa sempre più grande… Fare del gioco un’ossessione. A quanto sembra, secondo alcuni dati, la ludopatia (dipendenza dal gioco d’azzardo) dilaga.

I SINTOMI DELLA LUDOPATIA

Chi è ludopatico presenta svariati e curiosi sintomi, tra questi: bisogno di giocare quantità crescenti di denaro per ottenere l’eccitazione desiderata, irrequietezza o irritabilità se si riduce o si sospende il giocare, ripetuti sforzi infruttuosi per controllare, ridurre o smettere di giocare, presenza di pensieri persistenti inerenti il gioco (ad esempio: la persona ha pensieri persistenti, rivive passate esperienze di gioco, analizza gli ostacoli e pianifica la prossima giocata, pensa ai modi di ottenere denaro con cui giocare…).

Il ludopatico gioca quando si sente a disagio (indifeso, colpevole, ansioso, depressa), dice menzogne per occultare l’entità del coinvolgimento nel gioco, compromette le relazioni significative, problemi sul lavoro o con lo studio a causa del gioco e richiede agli altri il denaro necessario a risollevare situazioni finanziarie causate dal gioco.

I NUMERI DELLA LUDOPATIA

Secondo le statistiche gli italiani affetti da ludopatia sarebbero oltre 1,3 milioni. Secondo gli ultimi dati disponibili riportati nel «Libro Blu » (pubblicazione che riporta i dati principali sul mercato del gioco d’azzardo legale in Italia) il volume del denaro giocato ammonterebbe a 101,8 miliardi di euro.

Ma, secondo l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, il numero delle puntate registrate in Italia nel 2018 avrebbe raggiunto i 106,8 miliardi, in aumento di circa il 3% rispetto all’anno precedente. Come se ogni italiano scommettesse un totale di 1.780 euro all’anno. A evidenzialo è Consulcesi. Ancora, ovviamente, i dati relativi all’anno corrente non sono disponibili.

CHI SONO I GIOCATORI?

Dietro questi numeri si celano tantissimi giocatori occasionali (o semplici appassionati) ma anche un volume sempre più̀ imponente di casi patologici. Le persone affette da ludopatia solitamente stabiliscono con il gioco un rapporto esclusivo e altamente coinvolgente che li spinge a trascurare famiglia, affetti e lavoro.

COME PREVENIRE LA LUDOPATIA?

Gli esperti hanno tracciato qualche linea guida su come prevenire la ludopatia. Tra le azioni necessarie: giocare con moderazione (e non dimenticare che il gioco è una forma d’intrattenimento e non un modo per fare soldi), il gioco è comandato dal caso e non ci sono formule «magiche» che garantiscono vincite sicure, assicurarsi di conoscere le regole del gioco a cui stai giocando, non giocare quando hai bevuto alcol o dopo aver assunto medicinali che possono alterare la percezione, non giocare se ti senti giù di morale o depresso, impostare dei limiti sui depositi, utilizza solo gli importi fondi destinati per l’intrattenimento, non utilizzare mai fondi che sono stati destinati ad altri scopi, non prendere in prestito denaro da terzi per poter giocare e stabilire uun limite sul budget da utilizzare e annota gli importi spesi.

REALTÀ IMPEGNATE NELLA LOTTA ALLA LUDOPATIA

A livello internazionale opera la Gambling Therapy che fornisce consulenza e supporto online. In Italia, invece, è attivo il servizio GiocaResponsabile.it, promosso dalla FeDerSerd (Federazione Italiana degli Operatori dei Dipartimenti e dei Servizi delle Dipendenze) e gestito da un team di psicologi e consulenti (psichiatri, psicoterapeuti e avvocati) per trattare gli aspetti specifici.

Gli scopi del servizio sono cinque: facilitare la conoscenza dei fattori di rischio e la possibilità di mitigarli, fornire strumenti di cura anche a chi non si rivolge ai servizi, sostenere familiari ed amici dei giocatori nel trovare risposte e soluzioni ai loro problemi, offrire con competenza professionale sostegno, consulenza e cura alle persone in difficoltà per motivi di gioco eccessivo e orientare alla ricerca di servizi socio sanitari e assistenziali adatti alla situazione.

In caso di necessità, si può chiamare al numero verde 800.921.121, dal lunedì al sabato, dalle 9 alle 22, oppure usare la chat del sito. Il giocatore compulsivo non deve commettere l’errore di non aprirsi, soprattutto verso i propri cari.

Gabriele Giovanni Vernengo

Leggi anche: Samara Challenge, cos’è il macabro gioco che a qualcuno è sfuggito di mano.

Tag

Gabriele Giovanni Vernengo

Classe 94', amante della cultura e dell'arte. Fermo nei propri valori e nella sua fede cristiana, porta avanti il proprio talento tramite la poesia e il giornalismo, definite da lui stesso come «missioni» e/o « vocazioni».

Articoli correlati

Back to top button
Close