Livorno, coppia di 80enni per 37 ore sulla barella del Pronto Soccorso

di VoceControCorrente

«Tenere due coniugi di 84 e 87 anni per 37 ore sulla barella del Pronto Soccorso, per mancanza di posti letto, è una roba da terzo mondo, inspiegabile e ingiustificabile in Italia e a maggior ragione in Toscana, dove la Giunta regionale si vanta di avere un sistema sanitario all’avanguardia. Purtroppo non è così, e fatti come quello accaduto nella città labronica ne sono l’ennesima controprova».

Così il vicepresidente del Consiglio regionale della Toscana, Marco Stella (Forza Italia) e il capogruppo azzurro a Palazzo del Pegaso, Maurizio Marchetti, che hanno presentato un’interrogazione urgente sulla vicenda dei due coniugi tenuti un giorno e mezzo sulla Barella del pronto soccorso dell’ospedale di Livorno, per mancanza di posti letto.

LEGGI ANCHE: Toscana, la Regione promuove la pillola abortiva.

L’uomo era stato colpito da ischemia e la moglie da sincope. «Altro che modello toscano per la sanità, qui siamo a livelli da Paesi in via di sviluppo – accusano Stella e Marchetti -. È inaccettabile offrire servizi del genere a persone che pagano tasse salate ogni anno, facendo rischiare loro la vita. I tre quarti del bilancio della Regione Toscana va al sistema sanitario: come è possibile che esistano situazioni del genere, degradanti? E nel frattempo, il governatore Rossi e la sua giunta si permettono anche il lusso di stanziare 2 milioni di euro per le cure dentistiche ai migranti. È ora di dire basta alla carenza di posti letto, ai tagli al 118, a liste d’attesa infinite, alla dismissione dei nostri ospedali montani e a tutte le prestazioni sanitarie che da diritto diventano miraggio. Il diritto alla salute è un diritto basilare, fondamentale, ed è gravissimo che la Giunta Rossi non riesca a garantirlo».

LEGGI ANCHE: Va a cercare funghi con il marito e si perde: ritrovata il giorno dopo.

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un 'Mi Piace' sulla nostra pagina Facebook!

Articoli Correlati